cerca CERCA
Lunedì 03 Ottobre 2022
Aggiornato: 22:52
Temi caldi

Madre a processo per aggressione commessa davanti alla figlia

14 gennaio 2022 | 14.48
LETTURA: 1 minuti

Ai danni della nonna paterna

alternate text

Il tribunale di Civitavecchia ha disposto il rinvio a giudizio per U. K., la quarantenne che, il 5 dicembre 2020 aveva aggredito Antonietta Danieli, ottantenne invalida, all’interno del giardino della sua casa di Fiumicino.

La donna, di origine mongola, popolo nomade dell’Asia centrale, e residente a Savona, si era recata a Fiumicino per visitare la figlia F. di sette anni, che il tribunale aveva collocato a vivere insieme al padre presso l'abitazione della nonna paterna. Dopo averla prelevata per il fine settimana, la donna entrò nella proprietà dal cancello del giardino e tentò di irrompere nell’abitazione, assestando ripetuti calci alla porta d’ingresso, accanendosi sulla maniglia per tentare di forzarla, minacciando di malmenare l’anziana signora, ormai in forte stato di ansia, e intimandole di uscire fuori per affrontarsi fisicamente.

Scene di violenza ancor più gravi poiché perpetrate davanti alla figlia minorenne della donna, che, strattonata e trascinata dalla madre seppur in lacrime e stato di shock, aveva assistito non solo agli atti della donna verso la nonna, ma anche alle conseguenti operazioni di polizia.

Sul posto sono intervenute tre volanti tra polizia e carabinieri, allertate dal figlio della signora e padre della piccola, preoccupato per l’incolumità, fisica e psicologica, di entrambe. Nel tentativo di sedare la situazione, infatti, l’uomo era stato percosso con calci e schiaffi, sempre sotto gli occhi della bambina.

Oltre alla violenza fisica, infatti, si è verificato un grave sopruso psicologico nei confronti dell’anziana signora, che ha vissuto i suoi ultimi mesi di vita nel terrore di nuove aggressioni fino a quando, lo scorso 19 luglio, durante una nuova visita della Ulaan a Roma, morì d’infarto.

La donna, accusata di minacce gravi, accesso abusivo di proprietà privata, maltrattamenti familiari e violenza privata, dovrà quindi tornare a rispondere davanti ai giudici del suo comportamento e delle sue conseguenze.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza