cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 17:49
Temi caldi

Maestra indagata per molestie, spunta sms 'ti amo'

31 maggio 2019 | 13.55
LETTURA: 3 minuti

Il legale dell'insegnante: "Ancora tutto da chiarire, nella vicenda non ci sono risvolti di natura sessuale"

alternate text
(Fotogramma)

"E' una vicenda ancora tutta da chiarire". Lo afferma all'Adnkronos l'avvocato Michele Grigenti, legale della maestra indagata dalla procura di Vicenza per molestie su un ex alunno con il quale avrebbe scambiato, secondo l'accusa, dei messaggi e un bacio. L'incidente probatorio si terrà il 27 giugno e il minore sarà sentito in forma protetta. "Non ci sono risvolti di natura sessuale nella vicenda - sottolinea il legale - La maestra è sofferente per quello che sta passando, è un po' provata come è comprensibile".

I messaggi tra il bambino e la maestra, insegnante 40enne di sostegno, sono in mano agli investigatori. Lo riporta il 'Corriere del Veneto' spiegando che si tratta di messaggi che "lo scorso anno scolastico la donna si era scambiata con lo studente di quinta elementare, nei quali lo chiamava 'amore mio', gli scriveva 'ti amo', e ancora, 'mi sono innamorata, sapessi quanto ti spupazzerei su tutto il mio corpo'". A scoprire le chat, spiega il quotidiano, sono stati la mamma e il papà dell’alunno. Ed è proprio ai genitori che ha raccontato anche di un paio di baci con la maestra di sostegno, di uno dei quali ci sarebbe traccia anche nelle conversazioni sullo smartphone. I genitori hanno denunciato l'insegnante rivolgendosi ai carabinieri di Vicenza, a cui si sono presentati nel giugno 2018. Il pm Barbara De Munari, in base alla denuncia della famiglia e alle indagini dei carabinieri, ha aperto un fascicolo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza