cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 00:03
Temi caldi

Mafia capitale, altri 5 arresti: truccata anche la gara per restauro Aula Giulio Cesare

09 giugno 2015 | 12.13
LETTURA: 4 minuti

Operazione Gdf: in manette dirigente e imprenditore Amore. Vincenzi: ''Mi dimetto da capogruppo Pd''

alternate text

Cinque arresti eseguiti dagli uomini del Comando Unità Speciali della Guardia di Finanza di Roma nell'ambito di un'inchiesta della procura capitolina nel settore degli appalti pubblici e di contrasto alle frodi fiscali. In manette sono finiti anche un alto dirigente in servizio alla Sovrintendenza dei beni culturali di Roma Capitale e un imprenditore, che, fa sapere la Gdf, è "risultato coinvolto anche nell’inchiesta mafia capitale”. In tutto sono sei le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip ma uno dei sei destinatari è recentemente deceduto.

Truccata la gara per restauro Aula Giulio Cesare - Tra le gare “truccate” scoperte dalla Finanza, anche quella relativa al restauro dell’aula Giulio Cesare del palazzo Senatorio, dove si riunisce il consiglio comunale della Capitale, affidata a trattativa privata all'imprenditore arrestato.

Le accuse - I reati contestati sono associazione a delinquere, truffa aggravata e continuata in danno del Comune di Roma, falso, turbativa d'asta, emissione e utilizzo di fatture false, indebite compensazioni d'imposta, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte con l'aggravante del reato transnazionale, commesso a Roma, Lussemburgo e altrove.

Dirigente favorì imprenditore Fabrizio Amore - All'alto dirigente in servizio alla Sovrintendenza dei beni culturali di Roma Capitale finito in manette si contesta, a quanto fanno sapere le Fiamme gialle, di aver "favorito l'imprenditore romano Fabrizio Amore nell'iter procedurale per l'aggiudicazione di gare pubbliche", tra cui, appunto, quella relativa al restauro dell'aula Giulio Cesare. In particolare, dagli accertamenti eseguiti è emerso come "l'imprenditore arrestato fosse più che sicuro dell'aggiudicazione della gara, avendo stipulato contratti ed effettuato pagamenti in acconto ai subappaltatori alcuni giorni prima dell'apertura delle buste contenenti le offerte". In sostanza, spiega la Gdf, "il pactum sceleris ha fatto sì che fossero invitate alla procedura di gara esclusivamente società riconducibili allo stesso soggetto economico".

Affitti gonfiati per mini appartamenti destinati a emergenza abitativa- Dall'inchiesta emerge anche che il Comune di Roma ha pagato per anni 2.250 euro al mese per ogni mini appartamento dei due residence in zona Ardeatina destinati all'emergenza abitativa affittati dall'imprenditore finito in manette. Secondo la Gdf, l'imprenditore arrestato inoltre, "grazie alla rete di conoscenze che vanta all'interno degli uffici di Roma Capitale risultata alquanto estesa e ramificata", tramite "sue società, controllate da società lussemburghesi", ha concesso in locazione al Comune due strutture residenziali in zona Ardeatina per la gestione delle emergenze abitative della Capitale, e il Comune di Roma "ha pagato per diversi anni canoni di locazione particolarmente elevati, pari a circa 2.250 euro al mese, per ogni mini appartamento". Nel corso delle indagini coordinate dalla Procura di Roma si è anche accertato che "alcune unità immobiliari, anziché essere destinate alle emergenze abitative, così come previsto nel contratto di locazione, sono state utilizzate dall'imprenditore per fini propri".

Evasione fiscale da 11 milioni - Una imponente evasione fiscale, per oltre 11 milioni di euro, è emersa nell'ambito dell'inchiesta. L'evasione fiscale, fanno sapere le Fiamme gialle, sarebbe stata attuata dall'imprenditore arrestato e dai suoi collaboratori, "attraverso un gruppo di società residenti, controllate da imprese estere con sede in Lussemburgo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza