cerca CERCA
Domenica 11 Aprile 2021
Aggiornato: 20:38
Temi caldi

Mafia capitale: mons. Perego, gare al ribasso hanno aperto porte a malavita

04 dicembre 2014 | 16.08
LETTURA: 2 minuti

Tagli e risparmi hanno prodotto "effetti devastanti" per cui si è arrivati "a lucrare persino sui poveri". Monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes, organismo pastorale della Cei, esprime tutto il suo "sconcerto" per quanto sta emergendo dall'inchiesta Mafia capitale. In particolare, lo sconcerto del sacerdote, tra i maggiori esperti di migrazione, va a quanto sta venendo a galla dalle intercettazioni del Ros per cui l'organizzazione coinvolta nell'inchiesta sarebbe arrivata a lucrare sull'emergenza casa e immigrati.

"Tagli e risparmi - afferma all'Adnkronos mons. Perego - hanno portato a effetti devastanti. Da tempo le nostre associazioni chiedono di non fare gare al ribasso nella consapevolezza che, oltre ad essere lesive, potevano essere strumento di facile inserimento di catene della malavita. Appelli inascoltati". Da qui l'appello del direttore di Migrantes: "è necessario rivedere il sistema degli appalti e le modalità di erogazione dei servizi perché quello che si è scoperchiato oggi è la dimostrazione di quanto sia urgente stroncare meccanismi perversi che arrivano a lucrare sui poveri".

"Va rivisto il sistema di organizzazione degli appalti, - ribadisce mons. Perego - incentivando l'accoglienza con l'utilizzo di piccole realtà che magari possono risultare più costose ma che garantiscano di non lucrare sulle realtà più povere".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza