Google rilancia sul digitale in Italia

CYBERNEWS
Google rilancia sul digitale in Italia

(AFP)

di Andreana d'Aquino
L'economia globale corre ormai sulle strade del digitale, per questo Google Italia rilancia per il 2019 il suo impegno sulla trasformazione 4.0 del nostro sistema Paese. "Anche quest'anno confermiamo, e anzi acceleriamo, il nostro sostegno ai progetti mirati alla trasformazione digitale di imprese e cittadini italiani, a cominciare dai giovani" anticipa all'AdnKronos Fabio Vaccarono, managing director di Google per l'Italia e membro del board EMEA.


E negli obiettivi 'made in Italy' del colosso del web ci sarà "un focus sulle competenze digitali". Vaccarono sottolinea infatti che entro il 2020 in Europa "rimarranno scoperti oltre 1 milione di posti di lavoro" per mancanza di skill digitali, "un gap che coinvolge tutti i settori produttivi". "Ciò significa - spiega - che l'85% dei mestieri avrà necessità di colmare questo divario". Da qui "la sfida di Google nel sostenere la riconversione del capitale umano sia in Italia che in tutta l'Unione".

COMPETENZE - E la forbice di competenze 4.0 è davvero troppo larga nel nostro Paese. "Già adesso il 25% dei nostri imprenditori non riesce a trovare competenze adeguate" sul mercato del lavoro, avverte il manager. Ci sarà per questo continuità "di supporto al progetto 'Crescere in Digitale' che va proprio in questa direzione con un impatto molto forte" rimarca Vaccarono citando il progetto promosso dal ministero del Lavoro nell'ambito di Garanzia Giovani e attuato da Anpal, Unioncamere e Google.

FORMAZIONE - Con 'Crescere in Digitale' "abbiamo fatto un investimento in Italia su un progetto oggi scalabilissimo" osserva Vaccarono. Dall'avvio del programma, nel 2015, ad oggi "sono 3.100 i giovani che hanno fatto tirocini in azienda e ce ne saranno almeno altri 5.000 a fine 2020". Insomma Google continuerà a puntare sulla formazione digitale degli italiani e non solo. "In tutta Europa sono 3 milioni i cittadini che hanno ricevuto una formazione digitale da Google" calcola Vaccarono. E l'aspetto è strategico.

LAVORO - La "crescita e l'occupazione" di un territorio decollano "grazie all'innovazione" osserva il manager che si dice fiducioso per il sistema 4.0 dell'Italia. Il 2018, rileva, è stato "un anno positivo" per la trasformazione digitale del Paese che "sta accelerando e maturando" sull'innovazione. "Lo scorso anno è raddoppiato il commercio on line italiano rispetto al 2014". Tutto ciò, afferma il manger di Google, rappresenta un passo cruciale per un Paese "ad alto tasso manifatturiero" e con "eccellenze in tutti i settori industriali" ed "il digitale si dimostra uno strumento irrinunciabile per le opportunità che offre".

E-COMMERCE - Insomma, l'Italia digitale ha iniziato a marciare "dopo anni di passo troppo lento" e l'e-commerce è un settore che può aiutare l'economia nazionale a "coprire distanze significative, come ha dimostrato il Black Friday" di novembre scorso. "Sei anni fa abbiamo compreso che l'Italia, seppure fosse in ritardo, era il Paese in cui investire" e ora, taglia corto Vaccarono, "siamo sempre più convinti che la seconda forza manifatturiera d'Europa potrà capitalizzare nuovi traguardi".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.