Cerca

Coronavirus, Mantero: "Pronti a ripartire nella fase 2"

'adesso guardare avanti sapendo di aver superato ora più buia'

MODA
Coronavirus, Mantero: Pronti a ripartire nella fase 2

"E’ arrivato il 4 maggio e siamo pronti a dare avvio alla Fase 2, dopo le lunghe settimane di lockdown. Abbiamo elaborato il nostro protocollo di sicurezza con regole precise e rigorose e questo grande sforzo ci permetterà di ricominciare sentendoci tutti sicuri e protetti". Mantero ha chiuso il 20 marzo la sua fabbrica e i suoi uffici ma l’azienda non si è mai del tutto fermata.


"Molti di noi hanno continuato a seguire i progetti e gli sviluppi delle nuove collezioni grazie allo smart working - spiega Franco Mantero, ceo di Mantero Seta S.p.a - che si è dimostrato strumento molto efficace e soprattutto è stato accolto con entusiasmo da dipendenti e collaboratori. Un mese e mezzo di chiusura, per un’azienda manifatturiera del comparto moda è un tempo lunghissimo, abituati come siamo a lavorare con ritmi serrati e scadenze frenetiche. Oggi proviamo preoccupazione ma non sentiamo paura".

Mantero ha le spalle larghe, è una grande famiglia solida, con radici profonde e con la capacità di reagire oltre che di agire. "Siamo pronti a ripartire - sottolinea Mantero - e la tragedia che ha colpito il mondo e le difficoltà che tutti abbiamo affrontato a livello individuale e collettivo hanno condizionato il nostro modo di pensare, il nostro modo di agire, il nostro modo di lavorare".

Per l'imprenditore si tratta di "un’occasione straordinaria per rivedere regole che sembravano dati di fatto, per diventare ancora più flessibili, per ragionare in un modo più moderno, attualizzato, e rapido in quanto intelligente non semplicemente veloce. Adesso si tratta di guardare avanti, sapendo di aver passato l’ora più buia e che, insieme, potremo raggiungere nuovi traguardi utilizzando una rinnovata energia, la nostra creatività, le nostre competenze, la nostra flessibilità, lavorando con ancora maggiore determinazione per perseguire l’eccellenza".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.