Cerca

Moda: nanotecnologie, presentata la prima collezione di abiti protetti da batteri

MODA
Moda: nanotecnologie, presentata la prima collezione di abiti protetti da batteri

Creata la prima  collezione al mondo di abiti di un noto atelier, che oltre ad essere belli esteticamente,  saranno anche super protetti dai batteri e  traspirabili e waterproof, grazie ad un trattamento con le nanotecnologie. Un progetto nato "per mettere in evidenza la necessità di  una maggiore attenzione per Salute e Ambiente". L’idea, scaturita dall'accordo tra una griffe protagonista della moda del Made in Italy ed un’eccellenza tecnologica italiana, punta a raggiungere l’ambizioso obiettivo, puntando su ricerca e innovazione. La "4Ward360 nanotechnologies", ha difatti, aderito al progetto di stile e benessere dello stilista  Federico Sangalli, in occasione dell’evento Milano Fashion Week, intervenendo su questa nuova collezione di indumenti, che sono resistenti a batteri, alle macchie e sono impermeabili, grazie all'applicazione di  nuove tecnologie ai tessuti.


"E’ stata mostrata dal vivo – spiega Sabrina Zuccalà, presidente del laboratorio di Nanotecnologia '4ward360' - come la materia, grazie alla tecnologia, si trasforma senza cambiare l'essenza dei tessuti e delle creazioni. Siamo stati lieti di partecipare a questo evento, poiché, sempre ogni giorno di più, è evidente l'esigenza di creare tessuti ‘intelligenti’  in grado di captare e reagire a condizioni ambientali esterne, acquisendo  caratteristiche innovative. Zuccalà si è poi soffermata sul maggiore valore in tema di eco sostenibilità di questo intervento: "Le peculiarità dei tessuti trattati con i nanomateriali sono quelle di assimilare le molecole inquinanti  senza possibilità di rilascio nell’ambiente, poiché vengono prima assorbite  e poi disgregate.  Le nanotecnologie infatti, riescono a preservare dall’elettrosmog  i vestiti senza intaccarne le caratteristiche. Il nostro intento è quello di  puntare sul benessere, garantendo  capi sicuri e confortevoli, senza dover rinunciare alla bellezza e allo stile e non modificando  la struttura e il touch dei tessuti stessi. Ci affacciamo alla moda, dopo aver applicato e brevettato soluzioni all'avanguardia per la Protezione dei nostri Beni culturali. Le nostre tecnologie devono essere utilizzate per preservare, proteggere, conservare e tramandare la nostra identità, costituita sia dalle nostre opere d'arte, sia da un settore che più rappresenta l'Italia nel mondo come quello della Moda. Il nostro dna culturale deve sopravvivere nel tempo e non essere dimenticato. E’ inoltre significativo che la Moda italiana declinata al femminile e una realtà di eccellenza tecnologica guidata da donne, riescano  ad imporsi e ad emergere per creatività e maggiore sensibilità  al sociale.

"Tra l'altro -  conclude Zuccalà - abbiamo reso possibile un altro evento eccezionale, eseguendo un trattamento con le nanotecnologie  del frac del maestro Arturo Toscanini preservandolo così dall’ammaloramento. Il  frac  dono di un altro grande della musica Riccardo Mutial Conservatorio era stato restaurato dall'atelier Sangalli nel maggio 2019 e noi siamo intervenuti per preservarlo. Le possibili applicazioni future dei nano materiali sulle quali stiamo concentrando la ricerca sono quelle per migliorare  la conservazione di costumi storici, o per preservare abiti indossati da persone eccezionali o  indumenti usati in film o nel teatro, in modo che anche questo patrimonio non vada perso. Per questo stiamo focalizzando la nostra attenzione sulla creazione di tinture di nuova generazione che  potranno riprodurre nel tempo gli stessi colori, ovviando ai problemi di diversità  tipici di tinture standard". 



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.