cerca CERCA
Sabato 28 Maggio 2022
Aggiornato: 19:56
Temi caldi

Malattie rare: associazioni comprano pagina quotidiano, appello a Lorenzin (2)

22 marzo 2014 | 18.34
LETTURA: 2 minuti

(Adnkronos Salute) - Nella missiva a firma congiunta, dunque, si evidenzia la "necessità di un dibattito pubblico informato sulle terapie con cellule staminali e la corretta, sicura ed etica attuazione di trattamenti medici efficaci. Le recenti vicende legate all'uso e alla sperimentazione del metodo Stamina hanno rinnovato l'attenzione sull'insostituibile ruolo che ha una sicura ed etica informazione scientifica ed istituzionale nei confronti degli operatori, ma soprattutto dei pazienti, potenziali destinatari delle nuove terapie cellulari. Pur essendo passati diciassette anni dalla firma del Consiglio d'Europa della Convenzione di Oviedo sui diritti dell'uomo e la biomedicina, in Italia, dopo il recepimento della Convenzione nel 2001, ben poco è stato realizzato di quanto in essa raccomandato".

La Convenzione, ricordano le associazionio, "sul prevenire queste circostanze negative e rispondere adeguatamente alle domande che gli sviluppi della biologia, della medicina e delle tecnologie bioingegneristiche pongono, raccomandava che i Paesi firmatari avviassero dei dibattiti pubblici appropriati alla luce delle implicazioni mediche, sociali, economiche, etiche e giuridiche pertinenti e che fossero oggetto di consultazioni pubbliche". Ed è proprio questo che viene chiesto: "Un dibattito pubblico sostenuto da un'informazione trasparente e di qualità per aiutare tutti, ma soprattutto i pazienti e le famiglie a superare il loro isolamento culturale e psicologico e contribuire così alla costruzione di una vera cittadinanza scientifica

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza