cerca CERCA
Domenica 04 Dicembre 2022
Aggiornato: 13:40
Temi caldi

Mali: attacco armato in un ristorante di Bamako, almeno 5 morti

07 marzo 2015 | 08.44
LETTURA: 3 minuti

Tre occidentali e due maliani. La sparatoria è avvenuta poco dopo la mezzanotte: alcuni testimoni hanno raccontato che un gruppo di persone è entrato nel locale gridando "Dio è grande" in arabo. Mogherini: "Una delle vittime lavorava con noi"

alternate text

Almeno cinque persone sono rimaste uccise in una sparatoria in un ristorante di Bamako, capitale del Mali. Le vittime sono tre occidentali e due maliani, secondo quanto riporta Radio France Internationale. Ci sarebbero inoltre diversi feriti. Le due vittime maliane sono un agente di polizia e una guardia di sicurezza.

"Ho parlato con il capo della delegazione dell'Unione europea in Mali sull'attacco terroristico di Bamako. Una delle vittime lavorava con noi" ha scritto su Twitter l'Alto rappresentante Ue per gli Affari esteri, Federica Mogherini.

La sparatoria, nella quale sarebbe rimasto ucciso un cittadino francese, è avvenuta poco dopo la mezzanotte. Secondo quanto riferisce la Bbc, tra le vittime c'è un cittadino belga, morto per lo scoppio di una granata lanciata contro la sua auto in una strada vicina al locale. La terza vittima, di cui non si conosce la nazionalità ma, secondo testimonianze, sempre europea, è morta in ospedale.

Secondo quanto raccontato da un testimone, dopo l'attacco, quattro uomini sono fuggiti dal locale a bordo di un'auto mentre un quinto sarebbe scappato su una moto. "Ho sentito uno di loro gridare 'Dio è grande'", ha detto.

Ricostruendo l'assalto, il direttore del locale ha ricordato che "(una delle vittime, ndr) era seduta vicino alla porta. E' difficile dire se era lui l'obiettivo" ha raccontato, aggiungendo che la motivazione dell'attacco non è chiara. "Sembra che abbiano sparato al primo ragazzo bianco che hanno visto", ha detto, precisando che non aveva ricevuto minacce prima della sparatoria.

Altri testimoni hanno riferito di aver visto un uomo che prima ha lanciato alcune granate in strada, nel centro della capitale, in uno dei quartieri più popolari per gli stranieri, poi è entrato nel nightclub, aprendo il fuoco.

Il presidente François Hollande ha condannato il "vile" attacco. Secondo Rfi, due persone sospettate di aver partecipato all'assalto sono state arrestate.

"Inorridito davanti allo spregevole attacco terrorista compiuto questa notte a Bamako" scrive su Twitter il primo ministro francese Manuel Valls. Valls ha poi espresso "sostegno al presidente Keita", sottolineando che "non cederemo mai" al terrorismo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza