cerca CERCA
Martedì 28 Giugno 2022
Aggiornato: 17:37
Temi caldi

Maltempo

Allerta in Lombardia, attesa la piena del Po

26 novembre 2016 | 11.42
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Fotogramma)

La Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia ha diramato il report, aggiornato alle ore 4.30, della situazione danni, a seguito del maltempo, nelle diverse province. In particolare in provincia di Pavia sono impiegati 45 volontari per il monitoraggio e l'assistenza al traffico nei due ponti chiusi (ponte Becca e ponte Gerola). Il traffico "risulta sostenuto a causa delle chiusure nei pressi del ponte di Bressana (aperto). La Provincia ha inviato sul posto una squadra di volontari per, se fosse necessario, assistere la popolazione ferma in coda", si evidenzia. Per la riapertura dei due ponti si dovrà aspettare, oltre al passaggio dell'onda di piena, anche il controllo statico dei piloni che avverrà quando i livelli del fiume si saranno abbassati.

In provincia di Lodi attivati i volontari dai singoli comuni rivieraschi per monitoraggio degli argini e delle golene; i controlli verranno intensificati da stasera sabato 26 novembre. Il Consorzio Muzza ha iniziato a sbancare degli argini consortili a San Rocco al Porto e Guardamiglio per impiegare le golene come casse di espansione. E' stato vietato il transito in tutte le zone golenali. I sindaci di Senna Lodigiana, Guardamiglio, Somaglia e San Rocco al Porto hanno evacuato alcune zone golenali. Nel pomeriggio di ieri, la piena ha danneggiato la piattaforma dell'imbarcadero di San Rocco al Porto.

In provincia di Cremona a seguito della riunione in AIPo, domani comincerà il monitoraggio per il fiume e integrità degli argini; i sindaci dei Comuni rivieraschi dovranno valutare l'eventuale evacuazione degli insediamenti agricoli ed allevamenti nelle aree di golena.

In provincia di Mantova dopo l'innalzamento del livello idrometrico fiume Po, si segnala l'attivazione della chiusura del fornice di Formigosa e l'interclusione di laghi di Mantova (con interruzione navigazione). Si segnalano potenziali situazioni di pericolo per i fruitori delle sponde dei laghi e delle golene del Mincio. Si registra l'attivazione del servizio di monitoraggio da parte di AIPo.

I fiumi sul territorio lombardo sono attualmente in calo non avendo mai raggiunto la soglia di moderata criticità. Per quanto riguarda il fiume Po l'onda di piena è ora in territorio piemontese e inizierà a interessare il territorio lombardo nelle prossime ore. Nelle ultime 24 e 12 ore, le precipitazioni più intense sono state registrate nel milanese (stazione Trezzo d'Adda 52 millimetri in 24 ore).

Per quanto riguarda l'andamento di fiumi e laghi, il Po è in crescita, l'onda di piena è ancora in transito nel territorio piemontese. Nelle stazioni di Casale Monferrato (Alessandria) e Ponte Valenza (Alessandria) ha superato la soglia di elevata criticità. In territorio lombardo, la piena è attualmente in transito alla stazione di Isola Sant'Antonio con livelli superiori alla soglia di elevata criticità. Al Ponte della Becca (Pavia) il livello è in crescita e ha superato la moderata criticità.

Il Ticino è in crescita con valori al di sopra della soglia di ordinaria criticità alla stazione della Miorina di Pavia. Il Consorzio del Ticino ha provveduto, nella giornata di ieri, all'abbattimento completo della traversa della Miorina.

Il Lago Maggiore ha superato la soglia di allertamento di elevata criticità a Laveno Mombello (Varese) e moderata criticità a Luino (Varese) ed è in crescita. Il Lago di Como ha superato la soglia di ordinaria criticità alla stazione di Malgrate ma con livello costante.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza