cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 13:17
Temi caldi

Napoli: schiaffi ad alunni, obbligo dimora per maestra d'asilo/I precedenti

17 settembre 2015 | 15.48
LETTURA: 4 minuti

Schiaffi e minacce, obbligo di dimora per una maestra: "Terrorizzava i bimbi"

alternate text
(Infophoto)

Schiaffi e minacce agli alunni di età compresa tra i 2 e i 6 anni. Una maestra d'asilo in servizio presso una scuola dell'infanzia di Gragnano (Napoli) è stata raggiunta da una misura cautelare applicativa dell'obbligo di dimora emessa dal gip di Torre Annunziata, su richiesta della Procura, eseguita dai carabinieri di Castellammare di Stabia. La maestra è accusata di maltrattamenti aggravati. Quello scoperto in provincia di Napoli non è un caso isolato ma solo l'ultimo in ordine di tempo tra quelli avvenuti negli ultimi anni.

3 luglio 2015: Percosse, minacce, insulti, spintoni e strattonamenti in un asilo di Terracina su bimbi tra i 3 e i 6 anni. E' quanto hanno scoperto gli agenti del commissariato di Terracina (Latina), che hanno dato esecuzione a due misure interdittive ad esercitare la professione nei confronti di due maestre.

23 maggio 2015: Denunciate dai carabinieri per maltrattamenti sui bambini alcune maestre di una sezione di un asilo nido comunale di Settimo Torinese. Le indagini, coordinate dalla procura di Ivrea, sono durate sei mesi e hanno fatto emergere diversi episodi.

23 marzo 2015: Due maestre in servizio presso una scuola dell'infanzia della provincia di Potenza vengono arrestate dai carabinieri per maltrattamenti ai danni di bambini, affidate alle loro cure. Le indagini sono partite a dicembre scorso, su denuncia di alcuni genitori che avevano notato un cambiamento di umore dei loro figli quando rientravano a casa dopo la mattinata a scuola.

15 maggio 2013: Un'insegnante e la coordinatrice di una scuola per l'infanzia di Roma vengono arrestate dalla Polizia con l'accusa di maltrattamenti e percosse a minori. Dalle indagini sono emersi comportamenti violenti, vessatori, offensivi e mortificanti della dignità dei bambini.

14 marzo 2012: Due maestre di una scuola materna di Martina Franca, nel tarantino, vengono sospese dal servizio per presunti maltrattamenti sui bambini. Le indagini, condotte dalla polizia, scattano dopo la denuncia della madre di uno dei piccoli che frequentavano l'asilo: secondo quanto riferito dalla donna il bambino da qualche tempo non andava piu' volentieri a scuola perché diceva di prendere le botte.

22 febbraio 2012: I carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia eseguono un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di una maestra elementare della scuola S. Sebastiano di Pizzo. La donna deve rispondere di maltrattamenti verso gli alunni. Le indagini, condotte attraverso una serie di telecamere nascoste nelle aule, hanno consentito di accertare che la maestra, durate le lezioni, malmenava con schiaffi e pugni gli scolari più indisciplinati, lanciava loro libri e penne, li strattonava, tirava i loro capelli e inveiva fino a farli piangere.

11 luglio 2011: Quattro insegnanti dell'asilo di Mileto vengono arrestate dai carabinieri della compagnia di Vibo Valentia per maltrattamenti su un bambino disabile di cinque anni.

19 marzo 2011: A finire sotto accusa e' un asilo privato a Casarile, al confine tra le province di Pavia e Milano. Due educatrici vengono arrestate con l'accusa di maltrattamenti posti in essere nei confronti di bambini. A dare il via alle indagini questa volta e' la denuncia di una ex maestra.

2 dicembre 2009: La squadra mobile arresta, per maltrattamenti sui bambini, due maestre dell'asilo 'Cip Ciop' di Quarrata, nel pistoiese. Gli investigatori avevano piazzato delle telecamere nascoste nell'asilo, a seguito della denuncia di alcuni genitori, insospettiti dai comportamenti dei loro figli. Bambini picchiati, chiusi nel bagno al buio per ore, fuori dalle aule al freddo, costretti a stare immobili e in silenzio e addirittura a mangiare il cibo vomitato. A far scattare gli arresti, l'ultimo episodio finito sotto gli occhi delle telecamere nascoste: un bambino di otto mesi vomita, la titolare della struttura lo colpisce con due schiaffi alla nuca che fanno cadere il piccolo sul vomito, poi la donna lo solleva prendendolo per un braccio in malo modo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza