cerca CERCA
Martedì 20 Aprile 2021
Aggiornato: 16:24
Temi caldi

Maradona: Platini, 'in campo è stato magico e magnifico'

27 novembre 2020 | 09.00
LETTURA: 4 minuti

L'ex numero 10 della Juventus: "Non siamo mai stati nemici, venivamo da esperienze, famiglie, paesi, passioni diverse"

alternate text
Michel Platini (Afp)

“Non siamo mai stati nemici, venivamo da esperienze, famiglie, paesi, passioni diverse. In campo Maradona è stato magico e magnifico. La nostra educazione, la nostra crescita è andata per strade che non si incrociavano. Lui veniva dall'Argentina dove il pallone è antico, ancestrale, viscerale, un modo di vivere del popolo. Prende la testa, il cuore, i polmoni. Lì il calcio è primordiale, è un graffito delle caverne, è un tatuaggio sulla pelle. Si fa vedere e sentire. Un'identità forte, un sentimento nazionale, è come la tua mamma. Io sono nato in Francia, dove la gente se ne fregava del pallone, e non credeva che quello del calciatore potesse essere un lavoro. Quand'è che mi sarei dedicato ad una cosa più seria?”. Michel Platini ricorda Maradona, morto ieri a 60 anni, in un’intervista a Repubblica, nella quale emerge inevitabilmente il confronto fra il campione argentino e il fuoriclasse francese.

"Diego è stato eccessivo ma raramente ha sbagliato gioco - afferma Platini -. In campo è stato magico e magnifico, sul resto della sua vita non mi permetto di entrare. Molto più dei caratteri, contano le origini diverse. In Argentina il calcio è una rabbia di tutti, vive di rimandi, è un album dove trovi sempre una figura che ti appartiene. In Francia quando giocavo da ragazzo mi dicevano: se piace a te. Non ero uno di loro, ma solo uno che inseguiva il suo gioco preferito. Non c'era la dimensione collettiva che invece a Diego non è mai mancata. Non siamo fatti solo di stile, ma di quello che ci portiamo dentro. La mia generazione ha riacceso la fiamma del calcio francese che fin lì quanto a risultati era stato un disastro".

Maradona è stato il più grande innamorato del calcio”, spiega Michel Platini in un’altra intervista, con il Messaggero. "Eravamo diversi: più attaccante lui, una seconda punta. Avremmo potuto giocare insieme: era il 1986 e il direttore generale del Napoli era Allodi. Ma è giusto che un calciatore chiuda dove ha compiuto un lungo tragitto: come me alla Juve e Maradona al Napoli. Fra di noi c’è stata una rivalità bellissima ma tra due squadre, non tra due calciatori”.

Mai avrei vissuto come lui - dice ancora a Repubblica l’ex numero 10 della Juventus -, con cento persone sempre addosso, a pranzo e a cena, non ce l'avrei fatta. E a lui la mia vita discreta sarebbe sembrata troppo vuota. Quando io sono arrivato a Torino la Juve era a quota 20 scudetti, quando lui è arrivato a Napoli, la squadra era a 0. La geografia dei risultati conta. Lui non solo ha vinto, ma è stato un aggregatore, è riuscito a far capire che bisognava far crescere la società, così sono arrivati Careca e Alemao. Io non mi ricordo un Diego solo. Era sempre in mezzo al pubblico, a braccia, gambe, teste, gli piaceva essere toccato, aveva un bisogno carnale di contatti, dove c'era un mucchio, lì trovavi Diego, sudato e felice. Amava essere amato. Oggi non capita più: ma voi li vedete Messi, Ronaldo, Neymar e tutti gli altri? Non sono più avvicinabili, girano al largo dai tifosi, guai a sfiorarli, non ci sono più occasioni. Diego non ci teneva alla giusta distanza, per lui non esisteva. Per lui la città era fredda, per me abituato alla glacialità francese, dove il calcio non doveva alzare la testa, fin troppo calda”.

Platini ricorda poi i calci di punizione, memorabili di entrambi: “Tecniche diverse però - precisa -, lui più simile a Zico. Il suo tiro si alzava molto e poi scendeva, invece il mio aveva una traiettoria più a giro, più bassa, e cadeva a foglia morta. Noi in Francia amiamo molto ‘les feuilles mortes’”. Quanto alla politica del calcio e al fatto di esserne esclusi, “si chiama invidia o gelosia - sostiene l’ex campione francese -. Siamo noi che giochiamo, la gente viene a vedere noi, non i Blatter o gli Infantino. I dirigenti pensano che il pallone appartenga a loro, e così ci espellono, dobbiamo solo stare in campo, e non impicciarci d'altro. Quello che ho sempre detto a Diego: per cambiare le regole, bisogna entrare nell'organizzazione, lavorare da dentro, criticare da fuori non serve a molto. Non è con le interviste che si cambia il calcio”.

Sul funerale di Maradona e sui disordini a Baires, Platini afferma che “è stata la persona che ha amato di più il calcio, quello che ha fatto lui, non lo farà più nessuno, Pelé è stato lo Spirito Santo, in pochi lo hanno visto, le immagini di Diego invece sono negli occhi di ogni gioventù. Maradona è venuto alla mia partita d'addio, ci siano scambiati le maglie, ha giocato per tutti i 90 minuti. Ma credo che dentro di sé, nonostante la folla, si sia sentito solo per tutta la vita. Nessuno ha mai avuto abbastanza autorità per aiutarlo e magari qualche volta per rimproverarlo. In tanti hanno sfruttato la sua fama, ma è difficile stare vicini ai maghi quando smettono di inventare, tutti richiedono lo stesso numero e se ne infischiano delle tue stanchezze a fragilità. Non ho invidiato il suo sinistro – confessa -, ma la sua agilità sì. Io quello scatto rapido non l'avevo proprio. Era piccolo, robusto, ma nei 3-5 metri, nello spazio breve, si scatenava”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza