cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 10:03
Temi caldi

Moda: Marras eccentrico ed eccessivo contro banalità e luogo comune

14 gennaio 2017 | 19.52
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Antonio Marras, inverno 2017

Occorre l’eccesso, l’eccentricità contro il luogo comune, la banalità e l’uniformità. Questo il senso della nuova collezione che Antonio Marras porta in scena a Milano Moda Uomo per il prossimo inverno, dichiaratamente ispirata a Paradžanov e alla sua Ashkarums. "A Parigi nel 2007, per caso, sono incappato nella mostra di Paradžanov: le magnifique. È stato amore a prima vista. Come rimanere non travolto da un fiume in piena di immagini, di sollecitazioni visive dalla potente forza pittorica, di colori variegati, di trame incastrate, di storie antiche, di personaggi estremi, di disegni tridimensionali, di combinazioni eccessive e visionarie?" racconta Marras, ricordando il mitico-romantico regista armeno, musicista, pittore, amante di patrimoni fiabeschi e tradizioni leggendarie oltre che cultore di ogni forma di trovarobato, collezionismo di oggetti, ornamenti e tracce di folclore di quel crogiuolo di etnie e religioni che è la regione del Caucaso.

L’ornamento diventa elemento comunicativo e simbolico con stratificazioni, incrostazioni, sovrapposizioni di tessuti, pizzi, ricami, cuciture; decostruzione e ri-assemblaggio, pezzi di tessuti manipolati e ri-contestualizzati. I colori sono quelli ossidati, come il bronzo e l’ottone, il piombo, l’oro, l’avorio, il sabbia, il grigio-verde, e il testa moro interrotti da esplosioni di bianco, turchese, porpora e giada brillante.

I tessuti sono molteplici e affiancati per contrasto o per similitudine. Taffettà metallico, lino lavato, shantung stretch cangiante, organza, crêpe, rigati stuoia, tweed di lino sovratinto. Le fantasie esplodono come in un caleidoscopio tra piatti e tazzine, cornici di bouquet di rose, foglie, fiori tappezzeria, geometrie, pois a formare collages di ogni tipo e colore. Le linee sono allungate, fluide, asimmetriche contrapposte a costruzioni da atelier. Drappeggi e sovrapposizioni, jabot, balze, rouches, trasparenze, veli e stratificazioni. Volumi maschili nei pantaloni ampi, mentre nelle giacche doppiopetto compaiono finestre di nudo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza