cerca CERCA
Venerdì 17 Settembre 2021
Aggiornato: 15:25
Temi caldi

Battaglia per Mosul, truppe avanzano a sudest. Cnn: Is ha ucciso 284 scudi umani

22 ottobre 2016 | 07.47
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

Per il secondo giorno consecutivo le forze irachene combattono contro i jihadisti dell'Is nella città di Kirkuk e intanto annunciano nuove conquiste nel quadro della battaglia per riprendere il controllo di Mosul, finita nel giugno 2014 nelle mani dei jihadisti. Secondo un comunicato dei militari iracheni, unità dell'esercito regolare hanno raggiunto il centro di Hamdaniyah, la più grande località a maggioranza cristiana nella piana di Niniveh conosciuta anche come Qaraqosh o Bakhdida, a circa 20 km a sudest di Mosul.

Stando alla tv di Stato al-Iraqiya, le forze dell'esercito regolare iracheno sono riuscite ad avanzare con l'appoggio aereo della coalizione anti-Is a guida Usa e, dopo le notizie sull'avanzata nella zona circolate nei giorni scorsi, hanno issato oggi la bandiera irachena nel centro di Hamdaniyah.

L'Is ha conquistato l'area nell'agosto di due anni fa, costringendo alla fuga migliaia di persone, molte delle quali si sono rifugiate a Erbil. Nei giorni scorsi le autorità irachene avevano annunciato di aver ripreso il controllo del villaggio cristiano di Bartella, a nord di Qaraqosh.

Di fronte all'avanzata delle forze della coalizione verso Mosul, lo Stato Islamico ha ucciso, in una esecuzione di massa, 284 uomini e ragazzi. Lo riporta la Cnn che cita una fonte dell'intelligence irachena che spiega che le vittime erano state catturate in rastrellamenti per essere usati come scudi umani contro gli attacchi che stanno costringendo le forze dell'Is a lasciare le zone meridionali di Mosul.

Le esecuzioni di massa sono avvenute ieri e giovedì all'interno del compound che ospitava la Facoltà di Agraria della città, e i militanti dell'Is hanno usato un bulldozer per seppellire i corpi in una fossa comune. Tra le persone uccise vi sarebbero anche dei bambini.

KIRKUK - Per il secondo giorno consecutivo, intanto, le forze irachene combattono contro i jihadisti a Kirkuk, nel nord dell'Iraq, teatro ieri di un feroce attacco del sedicente Stato Islamico (Is). "Ci sono ancora combattimenti in alcune zone, vanno avanti da oltre 24 ore", ha riferito Hoda Abdel-Hamid della tv satellitare al-Jazeera, parlando di "intensi scambi di colpi d'arma da fuoco". L'agenzia di stampa Dpa dà notizia di operazioni in diversi quartieri delle forze di sicurezza e dei peshmerga che danno la caccia a combattenti dell'Is che potrebbero essersi nascosti dopo l'attacco di ieri a quello che è il cuore petrolifero dell'Iraq.

Le autorità continuano a ripetere di avere il controllo della situazione. Secondo un ufficiale della polizia locale, "la situazione della sicurezza a Kirkuk sta tornando alla normalità" e "le nostre forze hanno il pieno controllo della città". Nella battaglia, secondo le fonti della Dpa, sono morti almeno 47 militari iracheni e 30 combattenti.

CARTER - Stamani il segretario alla Difesa Usa Ashton Carter è giunto in visita a sorpresa a Baghdad. Carter, riferiscono i media iracheni, ha in programma colloqui con i comandanti militari statunitensi e dovrebbe avere un faccia a faccia con il premier Haider al-Abadi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza