cerca CERCA
Martedì 31 Gennaio 2023
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

Maxi blitz anti pedofilia, smantella rete internazionale: decine di indagati

11 luglio 2014 | 11.21
LETTURA: 3 minuti

Operazione della Polizia Postale in Italia e altri 11 Paesi. Sequestrato un numero notevole di materiale riconducibile ad abusi su minori. Solo in Italia sono state eseguite 26 perquisizioni

alternate text
Infophoto - INFOPHOTO

Una rete internazionale di decine di pedofili, migliaia di foto e video raccapriccianti con protagonisti bambini che subiscono abusi sessuali. E' quanto ha scoperto il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Venezia in una maxi indagine condotta tra Italia e altri 11 Paesi con il coordinamento del Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia online presso il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma

Sono 26 le perquisizioni eseguite "grazie al concorso di dieci Compartimenti della Polizia Postale e delle Comunicazioni (Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana ) che hanno visto centinaia e centinaia di Gigabyte passati al setaccio dagli investigatori informatici".

L'attività, spiegano gli investigatori, ha portato al sequestro di migliaia di immagini e video di natura pedopornografica oltre che ad una richiesta di custodia cautelare in carcere. "Sono stati inoltre individuati 26 soggetti stranieri che sono stati deferiti" all'autorità giudiziaria di Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Belgio, Polonia, Messico, Argentina, Russia, Spagna, Repubblica Ceca.

Le indagini hanno avuto inizio con una perquisizione effettuata nell'ambito di un'altra operazione di contrasto alla pedopornografia condotta nel 2013 dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni di Venezia. Nel corso dell'analisi delle caselle di posta elettronica di un pedofilo "sono emerse decine di contatti con utenti della rete dai nickname riconducibili a bambini e bambine (sono state ben 75 le caselle di posta elettronica oggetto di indagine). L'approfondita attività di analisi della corrispondenza dell'indagato ha fatto emergere una allarmante realtà", aggiungono gli investigatori.

"Il soggetto in questione frequentava diversi social network (quali Facebook, Netlog, MSN Spaces, Badoo ed altri) dove si spacciava per una bambina alla ricerca di foto di altri bambini. E nel corso della ricerca si era imbattuto in decine e decine di 'fake' (ovvero di utenti del web che si nascondono dietro ad una falsa identità digitale) che si fingevano loro stessi dei bambini. Nasceva così -viene rilevato- una scellerata amicizia nella quale questi pedofili sotto mentite spoglie si scambiavano materiale pedopornografico".

In qualche caso i pedofili "si palesavano gettando via la maschera e continuavano il loro scambio di materiale illecito. La rete di questi 'fake' è stata per fortuna disarticolata", sottolineano alla Polizia.

Le perquisizioni "hanno dato esito ampiamente positivo portando al sequestro di copioso materiale pedopornografico. Inoltre, dall'analisi del materiale sequestrato, sarà possibile sviluppare ulteriori piste investigative sull'allarmante fenomeno della pedopornografia digitale". Ulteriori dettagli saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terrà alle 11 presso il compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Venezia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza