cerca CERCA
Martedì 27 Luglio 2021
Aggiornato: 17:56
Temi caldi

Maxi concorso per infermieri a Umberto I Roma, on line la graduatoria

25 agosto 2017 | 19.28
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

"In 4 giorni abbiamo esaurito tutte le prove concorsuali, arrivando alla graduatoria che sarà pubblicata oggi". Esprime soddisfazione il direttore generale del Policlinico Umberto I di Roma, Domenico Alessio, che commenta all'AdnKronos Salute la conclusione del maxi concorso per 40 posti da infermiere. "Le prove sono iniziate 4 giorni fa partendo da quella scritta, successivamente si è svolta la prova pratica e dopodiché in 3 giorni abbiamo fatto anche le prove orali". Oltre 1.500 i partecipanti (VIDEO).

Alla graduatoria, pubblicata in giornata sul sito della struttura capitolina e che comprende 878 infermieri, potranno attingere non solo il Policlinico, ispiratore del concorso, ma anche tutte le altre aziende sanitarie del Lazio. Si conclude così un percorso travagliato, con due rinvii.

"Tutte le procedure - precisa Alessio - pur essendo state contestate da alcuni esclusi dalla prova di preselezione, sia al Tar sia al Consiglio di Stato hanno avuto il riconoscimento totale della legittimità dell'azione posta in essere dal Policlinico. Ho creduto in questa azione e l'ho portata avanti con determinazione - ribadisce il Dg - perché eravamo consapevoli della nostra legittimità. Ho sempre avuto molta fiducia nella magistratura. Abbiamo fatto tutto con la massima rapidità, e faremo con la stessa priorità e velocità le assunzioni del personale".

Alessio, abbiamo accelerato al massimo per ripagare i ragazzi dei disagi sostenuti

Velocità che è stata anche un voler ripagare i disagi che i ragazzi hanno dovuto sostenere: "Noi non abbiamo nessuna responsabilità - dichiara il manager - Come pubblici ufficiali siamo obbligati ad applicare le decisioni e le sentenze della magistratura, ma è ovvio che il disagio di questi ragazzi, romani ma anche di altre città del Paese e anche provenienti dall'estero, francamente non è una cosa che ci ha fatto molto piacere. Quindi, non appena il Consiglio di Stato ha sbloccato le prove concorsuali, abbiamo accelerato al massimo per contenere i disagi dei tanti ragazzi".

Quali sono le novità di questo concorso rispetto al passato? "Da almeno 10 anni non si parlava di concorso pubblico - sottolinea Alessio - Avevamo a disposizione delle graduatorie vecchie che creavano un grossissimo problema, anche per reperire gli stessi infermieri, perché dopo anni e anni di vigenza di una graduatoria è ovvio che una parte consistente di questi aveva già trovato occupazione. Il concorso oggi è stato una soluzione ottimale per tutti. Abbiamo necessità di personale infermieristico, anche se i 40 posti sono una sciocchezza rispetto al numero degli infermieri di cui avrebbe bisogno il Policlinico. E' ovvio che tutte le aziende sanitarie del Lazio potranno attingere da questa graduatoria, qualora dovessero manifestare interesse ad assumere personale".

Un concorso che può essere punto di riferimento anche per altri futuri: "Abbiamo avuto due sentenze, una di primo grado dal Tar, l'altra di secondo grado dal Consiglio di Stato. La sentenza del Consiglio di Stato possiamo considerarla giurisprudenza, e quindi tutti possono prenderla a riferimento qualora dovessero svolgere prove come la nostra - afferma ancora il Dg dell'Umberto I - La nostra sentenza agevola, nel senso che è riferita a un concorso importante come quello del Policlinico. Automaticamente le stesse decisioni prese per il Policlinico possono essere trasferite anche ad altre pubbliche amministrazioni", conclude Alessio.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza