cerca CERCA
Domenica 16 Gennaio 2022
Aggiornato: 16:55
Temi caldi

'Medici, pazienti e avvoltoi', spot Amami contro boom cause

14 febbraio 2014 | 15.34
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Milano, 14 feb. (Adnkronos Salute) - A fare la prima mossa sono stati gli avvocati, con lo spot televisivo di 'Obiettivo Risarcimento' che da mesi invita i pazienti che si sentono vittime di presunti casi di malasanità a far valere i propri diritti in tribunali. Ieri è arrivata la controffensiva del Collegio italiano chirurghi, che con un video diffuso per ora su Youtube ricorda la presenza costante dei medici al fianco di chi ha bisogno di assistenza e sottolinea come "il nostro lavoro richiede decisioni difficili, a volte con esiti non prevedibili". E ora il 'botta e risposta' tra avvocati e camici bianchi continua con un altro video, firmato dall'Amami (Associazione per i medici accusati malpractice ingiustamente), dal titolo eloquente 'Medici, pazienti e avvoltoi'. "Uno spot provocatorio contro gli avvoltoi della malasanità", che sarà lanciato il 24 febbraio a Roma (ore 11, Palazzo Venezia).

In occasione di un convegno che si è svolto a Sperlonga lo scorso 8 febbraio, dedicato ai rapporti tra medici e avvocati nella giustizia italiana - informa oggi l'Ordine dei medici di Latina - il presidente dell'Amami, Maurizio Maggiorotti, è intervenuto esponendo i primi 12 anni di attività dell'Associazione e ha fatto proiettare in anteprima lo spot prodotto dall'Amami per valorizzare la figura del medico quale principale interessato alla difesa della salute dei cittadini. "Alcuni presenti - sottolinea l'Ordine che lancerà il nuovo spot sul proprio sito Internet - hanno inteso lo spot quale risposta a quello lanciato su tutte le reti televisive da 'Obiettivo Risarcimento', ma il presidente Amami ha escluso ogni riferimento al noto spot o ad altri in particolare che girano sul web o sui media".

L'obiettivo dell'iniziativa, condivisa da 25 società scientifiche, "non è neanche incolpare genericamente gli avvocati italiani dell'enorme aumento del contenzioso che si è registrato negli ultimi anni in campo sanitario. E' indubbio però - ha affermato Maggiorotti - che il 99% dei medici indagati è risultato innocente, a conferma che con eccessiva frequenza si denunciano medici innocenti, e troppo spesso il paziente ricorre impropriamente alla giustizia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza