cerca CERCA
Domenica 23 Gennaio 2022
Aggiornato: 16:38
Temi caldi

Medicina: al via il progetto 'Dati puliti' promosso da Amd

08 aprile 2014 | 16.31
LETTURA: 2 minuti

Roma, 8 apr. (Adnkronos Salute) - Consultazione rapida dei dati clinici per gli specialisti che operano nei Centri di diabetologia, progressivo miglioramento dei servizi offerti alle persone che convivono con il diabete, maggiore contributo alla sostenibilità del Ssn. Sono i principali obiettivi del progetto di miglioramento della qualità del dato e di alfabetizzazione digitale nell'utilizzo delle cartelle cliniche informatizzate promosso da Amd - Associazione medici diabetologi, con il contributo non condizionante dell'azienda farmaceutica Sanofi, che toccherà 12 Regioni.

"Questo progetto, da noi battezzato familiarmente 'Dati puliti - spiega Antonio Ceriello, Presidente Amd - assume una particolare rilevanza per la diabetologia. In questi anni l'Italia si è contraddistinta, a livello internazionale, per avere realizzato un database inestimabile di informazioni su come si operi in termini di assistenza e cura alle persone con diabete in Italia: il database degli Annali Amd, realizzato dalla nostra società scientifica. Sono oltre 320 in tutta Italia i centri diabetologici che aderiscono agli Annali Amd, quasi la metà di quelli operanti sul territorio nazionale, che raccolgono ed elaborano i dati relativi a più di 500 mila persone con diabete". Grazie a questi dati. dice Carlo B. Giorda, presidente Fondazione Amd, "abbiamo pubblicato uno studio che ha quantificato risparmi di 1,5 miliardi di euro in 5 anni e di oltre 18 miliardi in 50 anni per le casse dello stato, se tutti i centri di diabetologia italiani applicassero questa metodica di raccolta dei dati".

"Il Progetto 'Dati puliti', quindi - chiarisce Paolo Di Bartolo, coordinatore gruppo Annali Amd - è virtualmente rivolto a tutti i diabetologi italiani, con l'obiettivo di rafforzare la motivazione alla corretta gestione di questi dati, identificando, sulla base dell'esperienza di questi 10 anni, quali possano essere i punti critici del processo e offrendo al tempo stesso, a chi ancora non la utilizzi o la utilizzi sfruttandone solo parzialmente le potenzialità, una dimostrazione pratica del corretto uso della cartella informatizzata finalizzato al calcolo degli indicatori che sono alla base degli annali e quindi della valutazione di qualità dell'assistenza".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza