cerca CERCA
Martedì 30 Novembre 2021
Aggiornato: 13:12
Temi caldi

Medicina: studio, 65% diabetici non misura correttamente glicemia

29 maggio 2014 | 12.08
LETTURA: 2 minuti

Roma, 29 mag. (Adnkronos Salute) - Solo un terzo dei diabetici (il 34,7%) trattati con insulina misura la glicemia regolarmente. Addirittura, il 10% non la misura mai e il 55% la misura meno di due volte al giorno. Il 65% delle persone con diabete insulino-trattate, dunque, non misura correttamente la glicemia. Questi alcuni dei risultati preliminari emersi da una ricerca condotta attraverso le banche dati amministrative di un campione di aziende sanitarie locali, afferenti a Emilia-Romagna e Toscana, realizzata da CliCon e promossa da Abbott.

Per la prima volta sono state raccolte le informazioni sul campo, statisticamente rappresentative della realtà italiana, relative a circa 4.000 persone con diabete insulino trattate. Per ogni persona sono stati analizzati i dati dal 2009 relativi al consumo di risorse sanitarie registrati nei database delle aziende sanitarie locali e ai parametri clinici rilevati dai laboratori di analisi. Il risultato è il primo studio in 'real world' realizzato nel nostro Paese sull'autocontrollo della glicemia e le sue conseguenze cliniche ed economiche nella gestione del diabete, una malattia che interessa oltre 3 milioni di italiani e che costa ogni anno circa 9 miliardi di euro, in gran parte a causa delle complicanze.

"Il diabete è una vera e propria epidemia in costante crescita in tutto il mondo - afferma Salvatore Caputo, presidente Diabete Italia - ed è destinato a diventare la principale causa di disabilità e di mortalità nei prossimi 20 anni. Un buon controllo della glicemia potrebbe ridurre in maniera sostanziale il numero delle complicanze, limitare i costi della malattia e migliorare la qualità della vita. A oggi però il livello di controllo glicemico non è soddisfacente, in quanto, come confermano i risultati di questa analisi sul campo, il 65% dei diabetici italiani trattati con insulina non misura abbastanza frequentemente la glicemia. Questo espone le persone con diabete a crisi ipo e iperglicemiche che, a loro volta, comportano il ricorso alle strutture ospedaliere, con un notevole impatto sui costi del sistema sanitario nazionale". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza