cerca CERCA
Lunedì 06 Febbraio 2023
Aggiornato: 17:28
Temi caldi

Meloni in Algeria, dal gas allo spazio: firmati i nuovi accordi

23 gennaio 2023 | 10.53
LETTURA: 3 minuti

Omaggio della premier a Enrico Mattei, poi l'incontro con il Presidente Tebboune

alternate text

La premier Giorgia Meloni ha reso oggi omaggio a Enrico Mattei nei giardini intitolati al fondatore dell'Eni ad Algeri. Ad accompagnarla nella visita il ministro dell’energia algerino, l’ambasciatore italiano ad Algeri Giovanni Pugliese e il presidente di Confindustria Carlo Bonomi. Deposta una corona di fiori ai piedi del monumento. Un gesto simbolico voluto anche per lanciare, dall'Algeria dove il presidente del Consiglio è arrivata nel pomeriggio di ieri, il 'Piano Mattei' per l'Africa, tra gli obiettivi strategici fin dal momento del suo insediamento.

Leggi anche

La premier si è poi recata al palazzo presidenziale di Algeri per l'incontro con il Presidente della Repubblica Abdelmadjid Tebboune, con il quale ha presenziato alla firma di cinque accordi bilaterali. Dopo l’incontro e le sigle delle intese, dichiarazioni congiunte alla stampa.

DAL GAS ALLO SPAZIO, I NUOVI ACCORDI - Siglate 4+1 intese, che toccano vari settori, da gas a infrastrutture, passando all’idrogeno e allo spazio. Nello specifico, sul tavolo c’è un Memorandum d'Intesa sulla collaborazione tecnologica nella riduzione del gas flaring (combustione del gas), la valorizzazione e altre tecnologie per la riduzione delle emissioni.

Lo scopo del Memorandum è quello di individuare congiuntamente le possibili attività volte a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra in Algeria, e le migliori tecnologie da utilizzare per giungere a tale riduzione, mediante uno studio condiviso avente ad oggetto la riduzione del gas faring, nonché del venting delle attività operative. L'Intesa prevede inoltre progetti congiunti sulla riduzione delle emissioni di CO2 nelle strutture produttive di idrocarburi in Algeria. A Firmarlo, per la parte italiana, l'Amministratore Delegato di ENI Claudio Descalzi e per la parte algerina il direttore generale di Sonatrach Toufik Hakkar. Sempre Descalzi e Hakkar firmano il Memorandum d'Intesa per la valorizzazione della rete di interconnessione energetica tra Italia e Algeria per una transizione energetica sostenibile.

Il fine del Memorandum è quello di giungere all'individuazione delle migliori opportunità per incrementare le esportazioni di energia dall'Algeria verso l'Italia, attraverso lo studio congiunto sull'incremento della capacità di trasporto del gas esistente, la realizzazione di un nuovo gasdotto anche per il trasporto di idrogeno, la posa di un cavo elettrico sottomarino e l'aumento della capacità di produrre gas. Il terzo Memorandum di Collaborazione alla firma vede al tavolo Confindustria e il Consiglio del Rinnovamento economico algerino (CREA) Lo scopo del Memorandum di Collaborazione fra Confindustria e CREA è quello di rafforzare la rete delle imprese italiane in Algeria e delle imprese algerine in Italia.

Le due parti si impegnano a definire un piano d'azione coordinato per prevedere iniziative e attività congiunte di promozione internazionale, internazionalizzazione e business matching, da svolgere in formato digitale o in presenza, in Italia e in Algeria, rafforzando così le relazioni economiche tra i due Paesi. Firmano per la parte italiana il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi e per la parte algerina il Presidente di CREA Kamel Moula. (Segue) (Adnkronos) - Il quarto Memorandum d'Intesa sul tavolo e’ tra l'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) della Repubblica Italiana e l'Agenzia Spaziale Algerina (ASAL).

Il Memorandum d'Intesa viene concluso nel quadro del Trattato sui principi che governano le attività degli Stati in materia di esplorazione ed utilizzazione dello spazio extra-atmosferico compresa la Luna e gli altri corpi celesti. Le aree di cooperazione includono: le scienze dello spazio e l'esplorazione spaziale; la tecnologia applicata allo spazio; l'osservazione della Terra e la formazione. La cooperazione troverà attuazione attraverso lo scambio di conoscenza nella materia, l'organizzazione di seminari e workshop, lo sviluppo di progetti di interesse reciproco e l'organizzazione di attività di formazione.

Firmano, per la parte italiana, il Presidente dell'ASI Giorgio Saccoccia e per la parte algerina il Direttore Generale dell'ASAL Azzedine Oussedik. Infine firma della Dichiarazione congiunta del premier Meloni e del Presidente Tebboune. La Dichiarazione congiunta viene firmata dalla premier e dal Capo di Stato algerino al termine dell’incontro tra i due e dei colloqui allargati. Essa vuole celebrare il ventesimo anniversario della firma del Trattato di Amicizia, Cooperazione e Buon Vicinato e tra Italia e Algeria, risalente al 27 gennaio 2003, e sotto

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza