cerca CERCA
Domenica 25 Settembre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Meningite, morta bimba di 5 anni a Brescia: era stata dimessa

12 gennaio 2017 | 17.01
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Foto di repertorio (Adnkronos)

Una bimba di 5 anni ricoverata in Rianimazione pediatrica agli Spedali Civili di Brescia è morta ieri nella struttura sanitaria. La diagnosi formulata dai medici è di meningoencefalite da pneumococco. La bambina, ricostruisce l'Asst, si era presentata in Pronto soccorso "nella tarda serata di sabato 7 gennaio, con febbre e vomito, in assenza di segni di interessamento neurologico. Previo trattamento farmacologico della sintomatologia e miglioramento del quadro clinico, la piccola è stata dimessa dopo circa 2 ore". Ma purtroppo le sue condizioni sono peggiorate e intorno alle 9.30 del giorno seguente i genitori l'hanno accompagnata nuovamente in Pronto soccorso.

"All'ingresso la piccola si presentava in gravi condizioni cliniche, tali da richiedere l'intervento del rianimatore e il ricovero in ambito intensivo. E' stata tempestivamente formulata diagnosi di meningoencefalite da pneumococco e, nonostante la piccola sia stata immediatamente sottoposta al necessario trattamento clinico farmacologico, l'11 gennaio è purtroppo subentrato il decesso", spiegano dall'ospedale esprimendo vicinanza ai genitori: "La direzione, unitamente a tutti i collaboratori - si legge in una nota - partecipa al dolore della famiglia per la gravissima perdita".

Contestualmente alla diagnosi microbiologica, continua l'Asst, "come da procedura è stata immediatamente avvisata l'Agenzia di tutela della salute di Brescia (Ats) per le valutazioni di competenza". L'ospedale tiene a precisare che "le meningoencefaliti e le sepsi da pneumococco si presentano in forma sporadica e non sono diffusive; in tali situazioni non è pertanto indicata alcuna profilassi antibiotica per coloro che hanno avuto contatti con il malato poiché non si verificano focolai epidemici". Il caso della bimba, ribadisce l'Asst, "non è pertanto da confondere con le forme di meningoencefalite da meningococco delle quali si sta occupando la cronaca in questi giorni e alle quali si riferisce l'attività vaccinale di recente attivazione".

"Ci siamo immediatamente attivati con una Commissione di valutazione delle procedure per verificare che i medici dei Civili abbiano messo in atto tutte le procedure e azioni necessarie al fine di diagnosticare il prima possibile la malattia", comunica l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera che sottolinea: "Purtroppo la bambina non è risultata vaccinata contro il batterio pneumococco".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza