cerca CERCA
Venerdì 27 Gennaio 2023
Aggiornato: 22:19
Temi caldi

Fecondazione: meno coppie in centri Pma ma più gravidanze e bebé

09 luglio 2014 | 16.41
LETTURA: 3 minuti

alternate text

(Adnkronos Salute) - Nel 2012 c'è stata una lieve flessione in Italia del numero delle coppie che accedono alle tecniche di procreazione medicalmente assistita: -1,4% (da 73.570 a 72.543), con una diminuzione del 2,9 % dei cicli eseguiti (da 96.427 a 93.634). Ma in contemporanea si segnala un lieve aumento di gravidanze ottenute (da 15.467 a 15.670) e del numero dei nati: da 11.933 a 11.974. E' quanto riporta la relazione del ministero della Salute sulla Pma inviata al Parlamento il 4 luglio scorso e ora pubblicata sul sito del ministero.

Il documento sull’applicazione della Legge 40, che regola la procreazione medicalmente assistita, è relativo all’anno 2012. Aumentano lievemente i parti gemellari, mentre quelli trigemini sono stabili all’1,4%, cifra significativamente superiore all’1,0% della media europea relativa al 2010. Secondo il ministero "nell'insieme si tratta di piccole variazioni delle percentuali, che configurano una sostanziale invarianza negli anni delle percentuali di successo delle tecniche: il 10,3% di gravidanze rispetto ai cicli iniziati per le tecniche di I livello. Per quelle di secondo e terzo livello, per le procedure da tecniche a fresco, si va dal 19,5% del 2011 al 20% nel 2012 rispetto ai cicli iniziati, e diminuiscono lievemente i nati vivi (8.680 nel 2012 rispetto a 8.734 nel 2011)".

Si conferma - sottolinea il documento - la tendenza a un aumento del numero dei centri privati (218 nel 2012, erano 185 al 31 gennaio 2009) e a una diminuzione di quelli pubblici e privati convenzionati (137 nel 2012, erano 156 al 31 gennaio 2009). I cicli di trattamento aumentano in tutti i centri. Ma ci sono ancora molti centri che svolgono un numero ridotto di procedure nell’arco dell’anno.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza