cerca CERCA
Giovedì 09 Dicembre 2021
Aggiornato: 08:06
Temi caldi

Migliorano l'apprendimento, ecco la rivincita dei videogame 'sparatutto'

11 novembre 2014 | 18.45
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Xinhua)

(Adnkronos Salute) - Contrordine. Spazzare via eserciti di soldati nemici o alieni può essere utile al cervello. A promuovere i videogame 'sparatutto' sono i ricercatori dell'University of Rochester, a New York: hanno scoperto che questi giochi frenetici e adrenalinici migliorano la capacità di apprendimento. Non solo. Gli appassionati di videogame in stile "Call of Duty" sono più multitasking, più abili nello svolgere compiti cognitivi - come ruotare gli oggetti nella loro mente - e più bravi conservare le informazioni rispetto ai non-giocatori. Lo assicura Daphne Bavelier, fra gli autori dello studio.

In effetti sembra che questi videogame aiutino le persone a imparare, un effetto che si conserva anche in chi non è un giocatore abituale. "Le persone che usano i videogiochi d'azione migliorano molto più in fretta", ha detto Bavelier. Il lavoro, pubblicato su 'Pnas', mostra che anche i 'non-giocatori' hanno fatto progressi nei test cognitivi dopo un allenamento di due ore agli 'sparatutto' al giorno, cinque volte alla settimana per due mesi. E i vantaggi, riferisce il 'Washington Post', sono durati per anni.

Certo, la ricerca non si traduce in un invito ai ragazzi a mettere da parte libri e quaderni per dedicarsi ai videogiochi, ammoniscono i ricercatori. Anche perché si tratta di passatempi violenti e non adatti ai giovanissimi. "Posso dimostrare però che giocare" con un videogame adrenalinico "migliora le performance" cognitive, ha detto la studiosa. "Anche se non tutti i videogiochi portano a un miglioramento". Ad essere 'bocciati', infatti, sono i giochi di società che non richiedono rapidità e prontezza. Secondo lo studio questi giocatori non traggono alcun beneficio dalle ore passate alla console.

"Il cervello non ha un solo neurone, ma reti di neuroni parlano tra loro", dice la scienziata. In pratica, gli appassionati di videogame modificano "la loro connettività in tempo reale, in modo che si adatti al compito da eseguire. Inoltre sanno a cosa è importante prestare attenzione e cosa è solo rumore e distrazione".

Il suo team sta ora analizzando i dettagli dei diversi giochi per individuare gli elementi fondamentali per un migliore apprendimento, ha detto in un'intervista telefonica la ricercatrice. L'idea è quella di progettare un videogame non violento ma con tutti gli elementi importanti per l'apprendimento, a misura di bambini da 8 a 12 anni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza