cerca CERCA
Mercoledì 14 Aprile 2021
Aggiornato: 10:39
Temi caldi

Migranti, 86 persone in pericolo tra Libia e Lampedusa

22 settembre 2020 | 09.21
LETTURA: 1 minuti

L'allarme di Alarm Phone. Mentre l'Alan Kurdi denuncia: "Da 48 ore in mare e nessuno coordina soccorsi"

alternate text
Immagine di repertorio (Afp)

"Una barca con 86 persone in pericolo rischia il naufragio tra la Libia e Lampedusa. Non lasciateli annegare! All’1:15 di notte siamo stati allertati da questa barca in fuga dalla zona di guerra libica. Da allora, nessuna reazione delle autorità. Serve soccorso immediato". Lo scrive su Twitter Alarm Phone.

Intanto su Twitter Gordon Isler, fondatore di Sea-Eye e responsabile della Alan Kurdi denuncia: "A più di 48 ore dal salvataggio di 133 vite, non c'è ancora nessun Rescue Control Center che si è assunto la responsabilità della gestione o del coordinamento del soccorso".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza