cerca CERCA
Martedì 26 Ottobre 2021
Aggiornato: 03:15
Temi caldi

Migranti, Corte Ue: "No a espulsione genitore se motivata solo da precedenti penali"

13 settembre 2016 | 13.00
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Il diritto dell'Ue non consente né di rifiutare automaticamente un permesso di soggiorno a un cittadino di un Paese non Ue, che abbia l'affidamento esclusivo di un minorenne cittadino dell'Unione, né di espellerlo dal territorio europeo solo perché ha precedenti penali. 

Lo stabilisce la Corte di Giustizia Ue, nelle sentenze che riguardano due casi. Il primo vede opposti la Corte di Cassazione spagnola e A.R.M., padre e affidatario esclusivo di due minori, uno cittadino spagnolo e l'altra cittadina polacca. Il secondo vede su fronti opposti C.S., madre di un figlio di nazionalità britannica del quale ha l'affidamento esclusivo e che risiede con lei nel Regno Unito, e il Tribunale Superiore di Londra, sezione Immigrazione e Asilo. 

Per poter essere adottata, osserva la Corte, una misura di espulsione deve essere proporzionata e basata sul comportamento personale del cittadino non Ue. Tale comportamento deve rappresentare una "minaccia effettiva, attuale, e sufficientemente grave" per un interesse fondamentale della società dello Stato membro ospitante.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza