cerca CERCA
Giovedì 11 Agosto 2022
Aggiornato: 13:02
Temi caldi

Migranti, il vescovo sfida Musumeci: "Si assuma la responsabilità chi gioca sulla pelle dei poveri"

24 agosto 2020 | 18.12
LETTURA: 1 minuti

Mons. Damiano: "Mina la coesione sociale. I migranti sono persone che hanno il diritto/dovere ad una quarantena in sicurezza e serenità così come tutti i cittadini"

alternate text
(Afp)

Vescovo sfida il governatore siciliano Musumeci dopo l’ordinanza per chiudere i centri di accoglienza. "Non è soffiando sul fuoco della paura e della rabbia sociale che faremo passi avanti per superare il momento complesso che stiamo attraversando. La disumanizzazione, che ci rende non solo più poveri ma anche più infelici, inizia già dalle parole manipolate, dagli annunci gridati solo per arrivare alla pancia delle persone", scrive sui social il vescovo coadiutore eletto di Agrigento, mons. Alessandro Damiano, che riceverà l’ordinazione episcopale ad Agrigento il 5 settembre.

"Chi gioca sulla pelle dei poveri si assume la responsabilità etica di minare la coesione sociale e come credenti non possiamo stare a guardare - aggiunge mons. Damiano -. I fenomeni, seppur complessi vanno governati da una classe politica coesa che dia rassicurazioni. I migranti sono persone che hanno il diritto/dovere ad una quarantena in sicurezza e serenità così come tutti i cittadini". E conclude: "Senza dimenticare la realtà a cui ci ha richiamato ieri papa Francesco: ‘Il Signore ci chiederà conto di tutti i migranti caduti nei viaggi della speranza. Sono stati vittime della cultura dello scarto'".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza