cerca CERCA
Sabato 06 Agosto 2022
Aggiornato: 04:15
Temi caldi

Migranti e false onlus, truffa da 7 milioni

02 luglio 2019 | 11.12
LETTURA: 3 minuti

Undici le misure di custodia cautelare eseguite tra Lombardia e Campania

alternate text
(Fotogramma)

Legami con la ‘ndrangheta, documenti e fatture falsi, servizi non corrisposti. Il tutto per un totale di 7 milioni e mezzo di fondi pubblici incassati indebitamente nel giro di quattro anni. Sono questi i primi risultati dell’inchiesta 'Fake Onlus', coordinata dalla procura di Milano e condotta dalla Guardia di Finanza di Lodi. Al centro ci sono quattro organizzazioni senza scopo di lucro attive nell’accoglienza dei richiedenti asilo tra Lodi, Pavia e Parma: 'Area Solidale', 'Milano Solidale', 'Gli amici di Madre Teresa Giuliani' e 'Volontari senza frontiere'. Undici le misure di custodia cautelare eseguite tra Lombardia e Campania, predisposte dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Milano, Carlo Ottone De Marchi: una in carcere, 5 persone agli arresti domiciliari e altrettante con obbligo di dimora nel comune di residenza. I reati ipotizzati sono, a vario titolo, quelli di associazione per delinquere, truffa allo Stato e autoriciclaggio.

In due anni di indagini, dirette dal procuratore aggiunto di Milano Ilda Boccassini e dal sostituto procuratore Gianluca Prisco e condotte dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Lodi, sono emersi “i tratti essenziali di un pericoloso sodalizio criminale che si è stabilmente inserito nelle gare pubbliche per la gestione dell’emergenza migranti indette dalle prefetture di Lodi, Pavia e Parma”. Lo ha spiegato Prisco in conferenza stampa, pur auspicando che l’inchiesta non porti a “sottovalutare l’enorme valore di tutte le altre organizzazione che hanno ben gestito l’emergenza”. Tutto è partito da una segnalazione della Banca d’Italia, la cui Unità di informazione aveva portato all'attenzione della Finanza e della polizia valutaria una "operazione sospetta" relativa alle operazioni in uscita sul conto corrente della cooperativa 'Area Solidale', secondo quanto emerge dall'ordinanza di custodia cautelare visionata dall’AdnKronos. Le indagini hanno poi accertato altre operazioni definite “quantomeno anomale”: prelevamenti di contante, bonifici, traenze di assegni bancari e ricariche di carte prepagate. Da lì i finanzieri coordinati dalla procura milanese hanno potuto portare alla luce quello che, secondo l’accusa, è un sistema a delinquere.

Le onlus al centro dell’inchiesta producevano documenti falsi ad hoc per partecipare ai bandi pubblici e alle convenzioni dirette per l’assegnazione dei servizi di accoglienza. Le consulenze di psicologi, criminologi e avvocati millantate dai rappresentanti delle onlus di fronte ai funzionari delle prefetture, secondo l’accusa, erano solo bugie: nelle strutture da loro gestite non c’erano professionisti a disposizione dei migranti.

A insospettire gli inquirenti anche il continuo alternarsi delle cariche rappresentative all'interno dei quattro enti: secondo le indagini il meccanismo serviva a coprire i precedenti penali di alcuni dei soggetti. Come ha spiegato la Guardia di Finanza, tali organizzazioni “risultano essere collegate a noti pluripregiudicati appartenenti alla ‘ndrangheta”. E il legame con ambienti mafiosi emerge anche da un altro aspetto: il sodalizio avrebbe avuto tra le proprie finalità anche quella di sostenere economicamente soggetti colpiti da condanne per reati tra cui l’associazione a delinquere di stampo mafioso. Come? Sia garantendo loro uno stipendio senza alcuna prestazione lavorativa, sia consentendo loro di richiedere la possibilità di usufruire di misure alternative alla detenzione prestando una (finta) attività lavorativa presso la onlus.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza