cerca CERCA
Giovedì 08 Dicembre 2022
Aggiornato: 13:59
Temi caldi

Migranti, operatrice Lampedusa: "Scalzi, sotto il sole o la pioggia, così Ue nega umanità"

12 novembre 2021 | 16.09
LETTURA: 4 minuti

La testimonianza di Marta Barabino di Mediterranean Hope, il programma della Fcei

alternate text

Dal molo Favaloro all'hotspot di contrada Imbriacola. In un copione visto già centinaia di volte. Scalzi, stremati, con i segni delle torture sul corpo e le ferite nel cuore. A Lampedusa neppure il maltempo concede una tregua sul fronte degli sbarchi. Anche nei giorni dell'allerta meteo, con la Sicilia sferzata dal vento e piegata dalle alluvioni, le motovedette della Capitaneria di porto e della Guardia di finanza fanno la spola dal molo. Sbarcano il loro carico di vite umane e riprendono la navigazione. "Lo scorso anno, in questo stesso periodo, sull'isola sono arrivate mille persone in più. Altro che emergenza...".  Marta Barabino è un'operatrice di Mediterranean Hope, il programma della Federazione delle chiese evangeliche in Italia dedicato ai migranti e ai rifugiati. E quella striscia di cemento in mezzo al mare la conosce bene. Ad ogni approdo, insieme ai volontari, offre tè caldo, acqua, cibo e coperte termiche.

"Vedere gli avvenimenti ripetersi in questo modo crea molta rabbia e frustrazione - dice all'Adnkronos -. Ancora una volta assistiamo all'incapacità dell'Europa e dell'Italia di fornire risposte. Si invoca l'emergenza davanti a un fenomeno che emergenza non è". Nei giorni scorsi su quel molo in centinaia sono rimasti in attesa sotto una pioggia battente. "Scalzi e con i vestiti zuppi. Infreddoliti, qualcuno con i primi sintomi di ipotermia. Tra loro anche minori soli e donne. Una condizione inaccettabile, soprattutto dopo aver trascorso diversi giorni in mare in balia delle onde", dice adesso Marta. Una scena che si ripete puntuale a ogni sbarco."Sia in estate che in inverno l'attesa è estenuante".  Sguardi che si incrociano e braccia protese sul molo della speranza. "Chi arriva ringrazia, c'è chi prega, chi sorride. Qualcuno chiede un telefono per far sapere a casa che è vivo, che ce l'ha fatta. Ci dicono: 'Si vede la differenza tra qui e quello che c'è al di là del mare'".

E per raccontare quello che c'è sull'altra sponda del Mediterraneo non servono parole. Bastano le ferite sui corpi e l'orrore che traspare dagli occhi. "Durante uno degli ultimi sbarchi c'era una mamma - racconta ancora Marta -, era a tal punto esausta da non riuscire a prendersi cura dei suoi bimbi che piangevano. Guardava nel vuoto, non parlava e non reagiva". E poi ci sono i bimbi. Tanti, spesso davvero piccoli. "Sono una forza in grado di destabilizzare il sistema securitario e militare messo in piedi sul molo Favaloro. Riescono sempre a prendersi il loro spazio, a strappare un sorriso a chi incontra il loro sguardo. Cambiano l'aria che si respira durante uno sbarco".

Nei giorni scorsi la Chiesa di Agrigento e la Federazione delle chiese evangeliche in Italia sono tornate a chiedere "standard di accoglienza più alti". E umani. "La strategia è semplice - accusa l'operatrice di Mediterranean Hope -: una progressiva disumanizzazione consente di ridurre questa gente a numeri, a mera statistica. Se non li consideriamo esseri umani è più semplice provare distacco". All'ingresso del molo Favaloro una struttura rettangolare ospita i bagni destinati ai migranti che sbarcano. "L'ennesima vergogna. Manca l'acqua, non vengono disinfettati e puliti. Sono in condizioni terrificanti. Ed è così da anni. Ogni volta che vi accompagno qualcuno provo una profonda vergogna e chiedo scusa. Sono un pericolo anche dal punto di vista sanitario". 

"Servono soluzioni definitive, non emergenziali - dice Marta -. Bisogna organizzare un'accoglienza umana innanzitutto. Il ritardo nei trasferimenti dall'hotspot crea pericolose situazioni di sovraffollamento". Dopo la raffica di sbarchi degli ultimi giorni la struttura di contrada Imbriacola è di nuovo al collasso. Circa 900 ospiti a fronte di una capienza di 250 posti. "Laddove le condizioni meteo non consentono il trasferimento via mare, occorre lavorare a ponti aerei. E' una strada percorribile". Sulla più grande delle Pelagie Marta è arrivata un anno fa da volontaria. Motivi di studio. "Il tema delle migrazioni è sempre stato al centro dei miei interessi - racconta -, volevo capire come potevo dare il mio contributo, umanizzare un fenomeno ormai strutturale". Avrebbe dovuto rimanere un mese. Da luglio, invece, è diventata un'operatrice di Mediterranean Hope.

"Non tornerei mai indietro, se hai la fortuna di vedere quello che accade qui, poi è impossibile chiudere gli occhi e girarsi dall'altra parte". Il mare adesso è tornato calmo. "Potrebbero arrivare... Noi siamo sempre pronti". Con un sorriso e la mano tesa. (di Rossana Lo Castro) 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza