cerca CERCA
Domenica 02 Ottobre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Milano: Bruti Liberati a Csm, caso Sallusti unico ma nessuna discriminazione

13 maggio 2014 | 17.28
LETTURA: 2 minuti

Il caso degli arresti domiciliari concessi al direttore del 'Giornale' Alessandro Sallusti era ''un caso particolare, 'unico''', perché ''la mancata proposizione dell'istanza di espiazione della pena presso il domicilio non era conseguenza di disattenzione o dimenticanza ma di una espressa volontà di rifiuto di quella modalità''. Tuttavia non ha ''prodotto discriminazione rispetto ai casi 'normali''. Lo sostiene il procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, in una nota inviata al Csm, che integra quanto riferito in audizione lo scorso 15 aprile.

A giudizio di Bruti Liberati ''è accaduto esattamente il contrario: il caso 'unico' , come sempre avviene nei casi di mutamento di interpretazione, ha fornito l'occasione per generalizzare prassi e interpretazione più adeguate''. Il riferimento è alla circolare, emessa dal procuratore, poi applicata ad altri casi analoghi. Il nuovo ''indirizzo'', fa notare Bruti, ha fatto sì che nell'anno successivo alla sua adozione ''un centinaio di persone che secondo la legge potevano non andare in carcere non ci sono andate''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza