cerca CERCA
Lunedì 30 Gennaio 2023
Aggiornato: 23:59
Temi caldi

Milano, finti abbonamenti per truffe ad anziani: un arresto

23 agosto 2017 | 20.02
LETTURA: 2 minuti

alternate text
- FOTOGRAMMA

Sceglievano le loro vittime tra gli anziani psicologicamente più vulnerabili prima raggirandoli con la sottoscrizione a riviste specializzate, redatte dalle forze dell'ordine e poi spacciandosi per funzionari del Tribunale che avrebbero pignorato loro tutto se non pagavano l'abbonamento. In tutto, erano arrivati a 41 persone truffate per un'estorsione complessiva di 284mila euro.

Un uomo di 40 anni è stato arrestato e la sua compagna, 43enne madre di un minore, è stata denunciata. Dovranno rispondere di estorsione aggravata ai danni di persone anziane, truffa, intestazione fittizia di beni e riciclaggio di denaro. Le indagini che hanno permesso di scoprire il lavoro della coppia, che operava su tutto il territorio nazionale, sono durate nove mesi e sono state realizzate dal Servizio informativo operativo della polizia locale di Milano, sotto la direzione della procura di Monza.

Gli investigatori si sono messi sulle loro tracce dopo aver ricevuto la denuncia di un’anziana donna milanese accompagnata dal figlio, al quale aveva confessato di aver versato a persone, apparentemente perbene, la somma di 38.520 euro. Il modus operandi dei truffatori era uguale per tutti: ciò che accomunava le vittime era la sottoscrizione di un abbonamento a riviste specializzate, apparentemente redatte dalla polizia.

A fronte di una disdetta di abbonamento le persone venivano contattate dai truffatori che, individuati i soggetti più deboli psicologicamente si spacciavano per funzionari del tribunale e reclamavano ingenti somme di denaro, a fronte del mancato pagamento alle riviste. Le vittime, sottoposte a una forte pressione psicologica e a continue telefonate, spesso venivano indotte a pagare somme di denaro di entità minore con la minaccia di possibili pignoramenti, interessi esorbitanti o la messa all’asta di beni e proprietà. Diverse vittime hanno versato agli indagati somme di denaro molto elevate, fino a 30-40mila euro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza