cerca CERCA
Martedì 24 Maggio 2022
Aggiornato: 14:51
Temi caldi

Milano, grave tassista aggredito in strada. Fermato un consulente informatico

24 febbraio 2014 | 20.34
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Milano, 24 feb. (Adnkronos/Ign) - Rimangono gravissime e appese ad un filo di speranza le condizioni del tassista aggredito domenica sera in via Morgagni a Milano. Dall'ospedale Niguarda, dove il 68enne Alfonso Famoso si trova ricoverato in coma spiegano che "attualmente c'è una ridottissima attività cerebrale. Le sue condizioni sono sempre gravissime ma persiste comunue, seppure ridottissima, l'attività cerebrale. In sostanza - sottolineano smentendo così alcune notizie delle ultime ore - è gravissimo ma vivo".

Nella notte è stato identificato l'aggressore, un consulente informatico di 49 anni con un precedente per lesioni, fermato con l'accusa di tentato omicidio. L'uomo, rintracciato nella sua abitazione in via Plinio, è stato riconosciuto da un maresciallo della Guardia di finanza presente alla scena che ha avuto luogo ieri sera in centro a Milano. Il maresciallo lo ha riconosciuto in foto e grazie alla sua testimonianza e a quella di altre persone presenti, per il 49enne è scattato il fermo su ordine della Procura.

Secondo una prima ricostruzione pare che l'aggressore, dopo aver fatto la spesa in un vicino supermercato, mentre stava attraversando la strada abbia avuto un diverbio con il tassista, scattato perché Famoso non si sarebbe fermato per dare la precedenza al 49enne e alla sua compagna incinta di 8 mesi.

L'informatico lo avrebbe così colpito con alcune bottiglie di plastica, piene d'acqua, appena acquistate. Il tassista avrebbe perso l'equilibrio e cadendo avrebbe picchiato violentemente la testa sull'asfalto, perdendo subito conoscenza. La vittima resta in coma all'ospedale Niguarda.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza