cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 07:27
Temi caldi

Milano, incontro Salvini-Le Pen. Contestazione dei centri sociali /Foto

28 gennaio 2016 | 19.52
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Milano, corteo dei centri sociali contro Salvini- Le Pen - (Foto Adnkronos)

Matteo Salvini incontra l'esponente della destra francese Marine Le Pen e i centri sociali di Milano e la sinistra radicale sfilano in corteo per dire no all'iniziativa in corso al centro congressi Mico per la prima iniziativa pubblica del gruppo Enf (Europe of Nations and Freedom) che rappresenta gran parte dei partiti euroscettici.

Tensione al corteo contro la destra - Diverse centinaia le persone presenti al corteo che da via Buonarroti sfila accanto al Mico e termina in piazzale Lotto. Stamane una decina di contestatori ha rovesciato del letame vicino al centro congressi dove si tiene l'incontro. "Milano non ha mai dimenticato i valori della Resistenza - spiegano - e ripudia i razzisti e i fascisti che provano a presentarsi sul suo territorio. Non possiamo accettare che a Milano, città antifascista, medaglia d'oro alla Resistenza, si possano svolgere eventi come quello che si sta tenendo tra i due leader, in un bunker, circondati dalle forze dell'ordine. Faremo vedere che Milano vuole abbattere quelle frontiere che Salvini vorrebbe invece costruire". Attimi di tensione in via Gattamelata dopo alcuni ragazzi hanno e sploso petardi e lanciato fumogeni verso il cordone di polizia schierato oltre le transenne posizionate per impedire l'avvicinamento al centro congressi.

Salvini contro Schengen - Il segretario della Lega Nord definisce i contestatori "nazisti rossi, amici di quella parte dell'Islam che impicca giovani omosessuali e poi sfilano in piazza per i diritti gay. Sono ragazzi problematici" - poi affronta il tema immigrazione. "Vogliamo un'Europa normale, c'è un'altra Europa possibile. Non dei muri, né fili spinati. Voglio che i miei figli vivano in un'Europa aperta, accogliente e generosa, ma con limiti, regole e rispetto". Se un Governo di sinistra come la Svezia "rimanda a casa 80mila clandestini allora la convenzione di Schengen è morta. Se tutti controllano i confini e noi siamo gli unici a non farlo, chissà dove andranno a finire tutte le persone?" si domanda retoricamente.

Le Pen contro l'Europa - "La crisi dei migranti ha rivelato l'infamia di Schengen e ne sta accelerando la fine. L'ingresso massiccio di migranti ha rivelato le vere ragioni della politica dei dirigenti europei", spiega il leader del Front National, Marine Le Pen, che presiede l'Enf europeo. E avverte: "L'opinione pubblica si sta muovendo. L'Ue sta portando il continente alla guerra mentre i popoli vogliono la pace. L'Ue si sta sgretolando. Io mi rallegro di questa disgregazione che rappresenta una volontà espressa dai paesi europei".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza