cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 14:02
Temi caldi

Milano: nuovo esposto Robledo contro Bruti Liberati, Csm riapre caso

01 luglio 2014 | 20.24
LETTURA: 3 minuti

La vicenda sembrava conclusa, quando il 19 giugno scorso, il Consiglio superiore della magistratura, con il voto a maggioranza del plenum, aveva chiuso il caso scontro alla procura di Milano: archiviazione con invio gli atti ai titolari dell'azione disciplinare. Ma la querelle che oppone il procuratore aggiunto, Alfredo Robledo al capo Edmondo Bruti Liberati torna all'attenzione di Palazzo dei Marescialli. Un nuovo esposto, inviato da Robledo nei giorni scorsi, è stato trasmesso oggi dal comitato di presidenza alla settima commissione, competente per l'organizzazione degli uffici. La commissione, che non ha ancora acquisito gli atti, dovrà valutare nei prossimi giorni se aprire un fascicolo e riavviare l'istruttoria.

Dopo le accuse di irregolarità da parte del procuratore capo nell'assegnazione dei fascicoli di inchieste importanti, da Ruby al San Raffaele, da Sea-Gamberale al caso Podestà a Expo, la seconda denuncia di Robledo riguarda solo quest'ultimo caso, e in particolare la sua esclusione dagli interrogatori ad Angelo Paris, ex capo dell'area contratti di Expo, e Antonio Rognoni, ex direttore generale di Infrastrutture lombarde, nell'ambito del filone relativo ai lavori della 'Piastra'.

Robledo, capo del pool per i reati contro la pubblica amministrazione, coassegnatario del procedimento, fa riferimento alle disposizioni contenute in una mail con la quale Bruti Liberati affida gli interrogatori a tre pm, Roberto Pellicano, Paolo Filippini e Giovanni Polizzi, ai quali l'inchiesta era stata riassegnata, ma non a lui. Disposizioni il cui scopo, scrive Robledo nell'esposto ''è quelo di escludere me''. Una decisione giudicata ''illegittima''. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza