cerca CERCA
Giovedì 18 Agosto 2022
Aggiornato: 13:00
Temi caldi

Milano: scontro procura, non passa al Csm archiviazione esposto Formigoni

05 novembre 2014 | 12.10
LETTURA: 3 minuti

Il plenum del Consiglio superiore della magistratura non ha votato la pratica della prima commissione che proponeva l'archiviazione dell'esposto, presentato a marzo scorso, con il quale il senatore Roberto Formigoni, nell'ambito dello scontro alla procura di Milano tra il procuratore capo Edmondo Bruti Liberati e l'aggiunto Alfredo Robledo, esprimeva le proprie riserve sulla trattazione di un procedimento che lo riguardava. Posizioni divergenti tra i consiglieri hanno infatti portato al passaggio della pratica dall'ordine del giorno speciale, che prevede la votazione in blocco e senza dibattito, a quello ordinario, e dunque lo slittamento della discussione e del successivo voto a un plenum successivo.

Ad avanzare la richiesta è stato il togato di magistratura indipendente Claudio Galoppi, che ha anche chiesto in subordine il ritorno della pratica in commissione per la stesura delle motivazioni che hanno portato a deciderne l'archiviazione. A quest'ultima proposta si sono opposti la presidente della commissione, Paola Balducci, consigliere laico di Sel, e il togato di Area Antonello Ardituro, che hanno spiegato che per questa pratica si è seguita la prassi che prevede, per esposti di questo tipo, l'archiviazione senza motivazioni. Nel suo esposto Formigoni denunciava "anomalie nella tempistica e nella trattazione del fascicolo" a suo carico nel procedimento San Raffaele-Fondazione Maugeri.

Intanto, sempre sullo scontro alla procura milanese, il comitato di presidenza del Csm deciderà domani se accogliere la richiesta, avanzata dalla settima commissione, competente per l'organizzazione degli uffici e che ha già avviato il suo lavoro nelle scorse settimane, di trasmettere anche alla prima commissione, che si occupa di trasferimenti d'ufficio per incompatibilità, il documento del Consiglio giudiziario di Milano del 28 ottobre scorso, che ha criticato il provvedimento con il quale Bruti Liberati ha estromesso Robledo dalla guida del pool anticorruzione. È dunque probabile l'apertura di un nuovo fascicolo sul caso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza