cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 19:38
Temi caldi

Minaccia di avvelenare acqua e alimenti, a grandi aziende maxi-ricatto in criptovalute

09 giugno 2022 | 17.04
LETTURA: 1 minuti

Indagine della Procura di Roma, in carcere un 47enne che chiedeva da 20mila a 200mila euro. Le estorsioni non si sono mai realizzate

alternate text

Chiedeva da un minimo di 20mila fino a 200mila euro in criptovalute ai più noti marchi di produttori di acque minerali, vini e alimentari, minacciando di avvelenare le confezioni nei supermercati con iniezioni di cianuro e tallio. Dopo le denunce presentate dalle aziende, tutte molto note, il procuratore aggiunto di Roma Giovanni Conzo ha avviato l’inchiesta, affidata agli agenti della Polizia Postale del Lazio, coordinati dal Cnaipic, che sono risaliti al responsabile. Si tratta di David Sirca, un 47enne residente a Trieste, che stava scontando la pena alternativa per precedenti condanne per estorsioni e frodi informatiche, e ora finito in carcere.

L’uomo ha grandi competenze informatiche e aveva un modus operandi: realizzava video in casa in cui mostrava come avvelenava i prodotti e poi, attraverso connessioni internet anonime, inviava i filmati alle aziende produttrici prese di mira minacciando di portare le confezioni nei supermercati. Investigatori e inquirenti hanno scoperto e bloccato in poco tempo il 47enne, che non aveva complici e che sembra non abbia mai messo in pratica le minacce. A quanto si apprende le estorsioni non si sono mai realizzate e le aziende non hanno pagato.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza