cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 10:18
Temi caldi

Sanità: ministero Salute, 10% ha scabbia ma malattia banale

13 giugno 2015 | 18.43
LETTURA: 3 minuti

Raniero Guerra della Prevenzione sanitaria, 4.700 casi su 46.000 sbarcati nel 2015

alternate text

"Circa il 10% dei migranti giunti in Italia nel 2015 è affetto da scabbia, che è però una malattia banale, per la quale abbiamo farmaci a basso costo efficaci che vengono distribuiti". A dirlo Raniero Guerra, direttore generale della Prevenzione sanitaria del ministero della Salute, oggi a Roma nella sede del dicastero.

"Nel 2014 - ha precisato Guerra - abbiamo avuto 2.262 casi di scabbia, un centinaio di patologie respiratorie e un'ottantina di febbri di varia natura, su 140.000 persone arrivate. Nel 2015 la situazione è relativamente peggiorata perché su 46.000 sbarchi abbiamo avuto 4.700 scabbie o parassitosi di altro tipo, pari a circa il 10%". (segue)

"Di scabbia non si muore - ha spiegato Guerra - abbiamo terapie efficaci per bocca o locali grazie alle quali essa scompare. Non è bella da vedersi perché provoca il grattamento e per questo può super-infettare la pelle. Ma resta una patologia banale. Stiamo comunque notando un peggioramento della situazione sanitaria di queste persone, legato all'ingravescenza di patologie comuni come polmoniti, oppure per traumi, e non alla scabbia. Per quanto riguarda altre illazioni che sono state fatte sulla malaria, ricordo che è una patologia comunissima di cui soffrono sistematicamente, ad esempio, anche tutti gli operatori che rientrano da Paesi dove hanno lottato contro Ebola. Abbiamo farmaci efficaci e non si trasmette tra persone: senza la presenza di un vettore intermedio è praticamente impossibile. Abbiamo poi patologie legate appunto a traumi, ferite, patologie respiratorie, che hanno richiesto 40 ospedalizzazioni nel 2014 e 166 nel 2015. In totale, abbiamo registrato 3.336 casi clinicamente evidenti di un qualsiasi tipo di patologia su 140.000 sbarchi nel 2015, e 5.637 su 46.000 nel 2015".

"Le gravidanze - prosegue - sono state 628 nel 2014 e sono già 323 nel 2015, circa un quarto degli arrivi, e questo dà un'idea di come cambia il profilo di chi arriva. In totale il 75% oggi è uomo e il 13% donna, oltre a un 16% di minori spesso non accompagnati. Per quanto riguarda i traumi, sono stati 288 nel 2014 contro 114 nel 2015, ma siamo a metà anno per cui saliranno sicuramente. Patologie respiratorie: un centinaio nel 2014 contro non più di una trentina quest'anno. Altre patologie simil-scabbiose 45 nel 2014 e soltanto 6 nel 2015".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza