cerca CERCA
Domenica 17 Ottobre 2021
Aggiornato: 18:55
Temi caldi

Minorenni tra alcol e fumo: sei su dieci bevono, il 40% fuma

09 dicembre 2014 | 19.30
LETTURA: 6 minuti

Una indagine del Moige mette in luce gli stili di vita degli under 18. Il consumo di bevande alcoliche molto diffuso tra gli studenti delle superiori e uno su quattro beve almeno quattro bicchieri. La prima sigaretta? Arriva tra i 12 e 14 anni. Uno su due vede immagini o video porno

alternate text
(Infophoto)

Alcol, fumo, scommesse, pornografia e videogiochi vietati ai minori di 18 anni: sono i comportamenti a rischio dei giovani italiani. A metterli in luce un'indagine del Moige, che rivela, in conclusione, come i ragazzi più 'virtuosi' siano i figli dei genitori che applicano regole chiare e sanno dire 'no'. Secondo la ricerca un minore su due vede immagini o video porno; quattro su dieci usano videogame non adatti alla loro età; due su tre dichiarano di aver bevuto almeno una volta; il 40% di aver provato almeno una sigaretta. E i giochi d'azzardo non sono esclusi dalle trasgressioni degli adolescenti, con il benestare di venditori e di genitori a volte troppo permissivi. La ricerca dal titolo 'I divieti trasgrediti dai nostri figli' presentata oggi a Roma (è stata condotta nel 2014 nelle scuole d'Italia su un campione di 1.845 minori di età) parte con il dedicato al consumo di alcolici.

ALCOL - fenomeno largamente diffuso tra i giovani: due su tre dichiarano di aver bevuto almeno una volta. La percentuale arriva all'86,5% tra gli studenti di scuola superiore e, tra questi, uno su due afferma di bere "abitualmente" o perlomeno "in diverse occasioni". Tra i ragazzi di scuola media le percentuali di trasgressori sono dimezzate (45,6%), ma pur sempre allarmanti. Uno studente di superiori su quattro afferma di aver bevuto, negli ultimi 3 mesi, almeno quattro bicchieri di alcolici. E solo sei su dieci conoscono il divieto di vendita alcolici a minori di 18 anni. Di pari passo va la mancata segnalazione del divieto (43%) nei luoghi dove sono stati acquistati gli alcolici e la disarmante percentuale del 65,6% (più di 1 caso su 2) in cui il venditore non ha verificato la maggiore età dell'acquirente. I genitori disapprovano fortemente il consumo di alcol (8 su 10) e, in più della metà dei casi (58,6%), entrambi lo hanno vietato ai figli; tuttavia, se ci soffermiamo sul campione degli studenti di scuole superiori, si coglie un preoccupante 39,1% di rispondenti a cui i genitori non hanno posto alcun veto sul consumo di bevande alcoliche.

FUMO - Il 40% degli adolescenti dichiara di aver provato almeno una sigaretta. La prima sigaretta? Il 75% dice che è arrivata tra i 12 e i 15 anni. I genitori disapprovano l'uso delle sigarette tra i figli (85%), ma 1 minore su 2 fuma a loro insaputa. Il 25% ignora i divieti e in 7 casi su 10 i venditori non hanno mai verificato la maggiore età dell'acquirente.

GIOCHI CON VINCITE IN DENARO - Negli ultimi 12 mesi tra gli studenti di scuola superiore 1 su 4 ha giocato almeno una volta presso punti vendita, mentre tra i più giovani (11-13 anni) la percentuale dei giocatori scende al 10,3%. Sul web e nei punti vendita i giochi più praticati sono le scommesse sportive (30%). Un giovane su due dichiara di non aver mai ricevuto richieste di verifica dell'età da parte del personale del punto gioco. I genitori, inoltre, pur essendo a conoscenza (nell’80% dei casi) dell’attività ludica del figlio, la vietano in modo differente a seconda dell'età: dai 7 casi su 10 per gli studenti di scuola media si scende al 50,6% per gli studenti di scuola superiore.

PORNOGRAFIA - Il 32% dei ragazzi tra gli 11 e i 13 anni vede immagini o video porno; percentuale quasi raddoppiata per gli studenti di scuola superiore (58,8%). La fruizione del porno avviene da soli o con amici della stessa età, attraverso tablet e telefonino (40,5% per le immagini, 36% per i filmati) o da casa attraverso un pc (29,6% per le immagini, 34,5% per i video). Il 56,6% degli intervistati tra coloro che hanno acquistato porno negli esercizi commerciali dichiara di non aver mai dovuto esibire un documento d’identità. La disapprovazione da parte dei genitori si verifica per 8 studenti su 10 di scuola media e per 1 studente su 2 (55,1%) di scuola superiore.

VIDEOGIOCHI 18+ - I videogiochi non adatti ai minori sono ampiamente diffusi tra i giovani tra gli 11 e i 18 anni. Ne fa uso il 35,1% degli studenti di scuola media e il 43,5% di quelli di scuola superiore. Il dato più preoccupante riguarda la permissività dei genitori: seppur 'sempre' al corrente dell'uso di questi prodotti da parte degli adolescenti (in 7 casi su 10), essi non impongono divieti al 70% degli studenti di scuola superiore e al 35% di quelli di scuola media.

Per Maria Rita Munizzi, presidente nazionale Moige movimento genitori, "il messaggio forte che emerge dall’indagine è il crollo del paradigma del 'Vietato vietare'. Questa idea educativa, per decenni in voga è smentita dai dati che evidenziano, come nelle famiglie fondate su regole chiare e decisi 'no', i figli siano meno portati a comportamenti a rischio".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza