cerca CERCA
Giovedì 29 Luglio 2021
Aggiornato: 00:21
Temi caldi

L'intervista

2 / 6
Misurare il web, cosa guardano gli utenti e quanti sono: il modello UK per l'Italia

09 giugno 2021 | 11.24
LETTURA: 13 minuti

2. Quali sono gli elementi qualificanti della misurazione della cosiddetta Total TV e le innovazioni più rilevanti che avete introdotto con la nuova soluzione?

Nel corso del 2019 è avvenuta la sperimentazione e l'introduzione di una nuova tecnologia di misurazione, chiamata Kantar Focal Meter, che si collega al router wifi di casa. Questo permette la misurazione completa delle visualizzazioni dei contenuti televisivi, live e on-demand, su TV, Computer, Tablet e Smartphone. Tecnicamente si verifica un collegamento tra i dati censuari e il Focal Meter per consentire ai modelli statistici di assegnare profili sociodemografici al comportamento di visione. I dati riportati includono quindi anche la visione dentro e fuori casa e questa fase possiamo chiamarla "TV Estesa".

Ora le basi sono state gettate affinché BARB passi dalla “TV Estesa" al "Total Video". Il perimetro di rilevazione si estenderà quindi anche alla misurazione e alla valutazione delle visualizzazioni dei contenuti video che non provengono direttamente dalle aziende televisive tradizionali.

In particolare, questo significa che diventeranno misurabili anche i contenuti visualizzati sulle piattaforme di streaming come Netflix, Amazon Prime e Disney+. Faccio notare che l'inclusione di queste piattaforme nei dati BARB relativi al Regno Unito deriva anche dal fatto che le stesse sono regolate dall'OFCOM (l’equivalente di AGCOM) per la responsabilità editoriale ai sensi della direttiva EU sui servizi media audiovisivi (a differenza delle piattaforme di condivisione video).

Tecnicamente questa nuova soluzione combina il tradizionale processo di "audio-matching" (in cui Kantar costruisce una "libreria di riferimento delle tracce audio" dei contenuti televisivi ed estende l'approccio ai canali SVOD) con il tracking e le osservazioni fornite dal Focal Meter che è collegato al router wifi. Questa combinazione permette a Kantar di stabilire quale contenuto uno spettatore sta guardando e di identificarne il canale di provenienza, sia esso lineare o digitale.

I nuovi dati raccolti ed elaborati permetteranno a BARB di fornire i dati socio-demografici dell’audience, attraverso 4 schermi, sia dei contenuti televisivi che di altre piattaforme non televisive. Le misurazioni sono anche catturate secondo per secondo, quindi se il mercato britannico sceglierà in futuro di andare oltre l'attuale reporting minuto per minuto, sarà possibile farlo.

È importante sottolineare che il nuovo contratto BARB introdurrà anche la nuova generazione del "People Meter" di Kantar per la TV, che consentirà la cattura dei contenuti "Watermaked" permettendo la rilevazione specifica di dynamic e addressable adv cui saranno applicati tag di watermark.


Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza