cerca CERCA
Martedì 03 Agosto 2021
Aggiornato: 09:37
Temi caldi

Misure anti-Covid: prassi e strumenti efficaci per negozianti e ristoratori

04 marzo 2021 | 14.56
LETTURA: 3 minuti

Roma, 4 Marzo 2021. Ad un anno dal primo lockdown, la situazione in Italia non si può certo dire delle migliori ed il Covid continua a rappresentare una minaccia per tutti. Ormai ci è stato ripetuto migliaia di volte e sappiamo tutti che l’unico modo per uscire da questa situazione è rispettare le norme di prevenzione stabilite dall’ISS. Ognuno di noi è dunque responsabile e può fare la differenza per quanto riguarda la diffusione del contagio. I commercianti ed i ristoratori attualmente stanno attraversando un periodo di crisi senza precedenti, costretti a chiudere per poi riaprire a singhiozzo. Per queste categorie, il problema non è solo economico: se un dipendente contrae il Covid la situazione diventa ancora più complicata ed è dunque necessario mettere in atto tutte le misure utili per prevenire il rischio di contagio, sia dei clienti che degli stessi lavoratori.

Ormai è da un anno che conviviamo con il Covid, ma non è questo il momento di abbassare la guardia. Vediamo dunque quali sono le prassi e gli strumenti utili che possono permettere a commercianti e ristoratori di tutelarsi e tutelare i propri clienti.

Le misure previste dal protocollo anti-Covid

Le misure previste dal protocollo anti-Covid sono ormai note a tutti ed in primis a commercianti e ristoratori, che ormai si sono abituati a convivere con il virus e far rispettare le norme ai propri clienti. È quindi obbligatorio mettere sempre a disposizione, all’ingresso del locale, il gel sanificante per i clienti che devono igienizzare le mani prima di entrare e naturalmente indossare correttamente la mascherina. All’interno dell’attività deve essere garantito il rispetto della distanza di sicurezza di 1,5 metri e per questo bisogna calcolare il numero massimo di clienti che possono trovarsi contemporaneamente all’interno del locale.

Queste sono ormai delle prassi alle quali ci siamo abituati, ma che non devono essere sottovalutate. Qualora un cliente non dovesse igienizzare le mani, si dovrebbe intervenire e chiedergli di farlo e lo stesso discorso vale nel caso la mascherina non fosse indossata nel modo corretto.

Gli strumenti utili per commercianti e ristoratori

Il protocollo anti-Covid è ormai conosciuto, ma è bene precisare che esistono strumenti non obbligatori che possono rivelarsi molto utili per chi ha un’attività aperta al pubblico. Anche se dunque non esiste una legge che imponga di adottarli, alcune attività hanno scelto di attrezzarsi ulteriormente per proteggere i dipendenti ed i clienti. Tali strumenti si sono dimostrati efficaci, dunque vale la pena andare a vedere quali sono.

Prima di tutto, il termometro infrarossi. Obbligatorio in alcuni contesti, è diventato ormai un alleato per molti commercianti e ristoratori perché non ha un costo eccessivo e permette di controllare la temperatura dei clienti in tempo reale, nel giro di pochi secondi. Questo è uno strumento che conviene sempre avere a disposizione, perché permette di verificare che all’interno del locale o del negozio non vi siano persone con la febbre, che come sappiamo è uno dei sintomi del Covid.

Altro strumento utile è, in alcuni contesti, la barriera fisica con il vetro o con il plexiglass alle casse. Una forma di tutela in più per i dipendenti, che si è rivelata estremamente efficace.

Per maggiori informazioni

Sito web: https://it.rs-online.com/web/

Responsabilità editoriale: TiLinko – Img Solutions srl

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza