cerca CERCA
Sabato 01 Ottobre 2022
Aggiornato: 22:51
Temi caldi

News to go

Mix pesticidi nel piatto, frutta la più contaminata poi vino e miele

23 dicembre 2021 | 17.18
LETTURA: 1 minuti
sponsor

Diminuito in Italia l’impiego dei pesticidi, ma si registra ancora un utilizzo significativo di molecole chimiche di sintesi in agricoltura

Diminuito in Italia l’impiego dei pesticidi, ma si registra ancora un utilizzo significativo di molecole chimiche di sintesi in agricoltura. Secondo il nuovo dossier Stop Pesticidi 2021, realizzato da Legambiente con Alce Nero (che ha preso in considerazione 2.519 campioni di alimenti di origine vegetale, includendo anche prodotti da apicoltura), la percentuale di campioni irregolari, cioè con principi attivi oltre le soglie consentite, è bassa, l’1,39% di quelli totali, ma solo il 63% di campioni analizzati è regolare e senza residui di pesticidi. A preoccupare è il restante 35%, relativo a quei campioni regolari ma contenenti uno o più residui di pesticidi, seppur nei limiti di legge.

La frutta si conferma la categoria con più campioni regolari con uno o più residui: nel 53,59% dei casi sono presenti tracce di almeno una sostanza attiva. In questa categoria, gli alimenti con una maggior presenza di fitofarmaci sono uva da tavola (85,71%), pere (82,14%), fragole (71,79%) e pesche (67,39%). Tra gli alimenti trasformati, invece, il vino e il miele sono quelli con maggior percentuali di residui permessi, contando rispettivamente circa il 39,90% e il 20%.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza