cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 12:06
Temi caldi

M.O.: anniversario Nakba, Hamas e Fatah sfilano insieme

15 maggio 2014 | 14.00
LETTURA: 3 minuti

alternate text

(Aki) - Manifestazioni popolari si stanno svolgendo in tutti i Territori palestinesi in occasione del 66esimo anniversario della Nakba, ossia la 'catastrofe', quando circa 700mila palestinesi furono costretti a lasciare le loro case e ad uscire dai confini del neonato Stato d'Israele. Per la prima volta dal 2007, quando i movimenti di Fatah e Hamas entrarono in conflitto, vi partecipano tutte le fazioni. Come riferisce l'agenzia di stampa palestinese 'Maan', nella Striscia di Gaza come a Ramallah, Hebron, Gerusalemme e Betlemme la popolazione sta marciando per le strade in ricordo degli accadimenti del 15 maggio 1948. A Hebron e Ramallah in particolare si segnalano diversi feriti in scontri tra manifestanti e forze di sicurezza israeliane, che hanno disperso la folla con spari e lacrimogeni.

Alle 12 in punto i partecipanti, che hanno marciato con in mano le 'chiavi' simboliche del diritto al ritorno, sventolando bandiere palestinesi e scandendo slogan a favore del diritto al ritorno, hanno osservato 66 secondi di silenzio durante i quali sono suonate le sirene. In una dichiarazione trasmessa dalla tv palestinese, il presidente dell'Autorita' nazionale palestinese (Anp), Mahmoud Abbas, ha affermato che "mentre Israele sta chiudendo la porta alla soluzione dei due Stati, riconosciuta da tutta la comunita' internazionale, lascia aperte solo due opzioni: uno stato binazionale o un regime di apartheid". Dal canto suo, il membro del comitato esecutivo dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp), Wasel Abu Yousef, ha detto che "66 anni dopo la Nakba, il crimine del secolo, il diritto al ritorno per i rifugiati resta un punto fermo sacro cui non rinunceremo mai".

In un rapporto diffuso per l'occasione dall'Ufficio centrale di statistica palestinese, la popolazione palestinese mondiale e' aumentata di otto volte rispetto al 1948, passando da 1,4 milioni a 11,8 milioni nel 2013. La maggior parte vive in Cisgiordania, Striscia di Gaza e in Israele. L'agenzia Onu per i rifugiati palestinesi (Unrwa) ha detto che i profughi palestinesi che vivono nei campi Onu sono circa 5 milioni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza