cerca CERCA
Domenica 26 Giugno 2022
Aggiornato: 07:12
Temi caldi

Bottega Veneta, gioco di contrasti

19 settembre 2019 | 20.54
LETTURA: 1 minuti

alternate text

di Federica Mochi

Gioca con le proporzioni, con le linee e le silhouette, che diventano ora strutturate ora ruvide. Da Bottega Veneta il classicismo contrasta col modernismo, disgregando le forme e riscrivendo un nuovo accattivante capitolo. Per la spring-summer 2020, una co-ed, il direttore creativo Daniel Lee tratteggia la sua donna sofisticata e austera. L’uomo esce in bermuda e giacche destrutturate. I volumi soni boxy, molto anni ‘90 mentre i colori bilanciati si fanno ricchi, pieni: nero, cioccolato, moka, oro, arancio strong e blu. La notte cita il mitico studio 54: abiti in maglia metallica, oro, pietra e lacca. I gioielli bold disgregano la silhouette muovendosi attraverso superfici soft. Capitolo accessori, niente mezze misure: o XL o XS per le borse, come la knotted bag esasperata nei volumi o la borsetta scrigno. E ancora lavorazioni knot e knit, il denim blu puro, i rain coat, le jumpsuit workwear in pelle. Ai piedi sandali sabot intrecciati o specchietti sparkling.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza