cerca CERCA
Lunedì 03 Ottobre 2022
Aggiornato: 19:57
Temi caldi

Moda, per la primavera-estate 2014 torna la hit bag di Giorgio Armani

08 marzo 2014 | 17.17
LETTURA: 11 minuti

alternate text

Giorgio Armani torna a lanciare la hit bag di stagione, come non faceva ormai da qualche anno. Per la primavera estate 2014, sarà l'iconica bauletto, battezzata Giorgio Armani Borgonuovo Bag in omaggio al legame dello stilista con la città di Milano.

Realizzata interamente a mano da esperti artigiani italiani, la borsa è trattata come un blazer sartoriale, con il quadrante anteriore costruito su una tela che dà corpo alla pelle, rendendola più rigida in modo che la forma risulti perfetta, mantenendo la rotondità del volume. In un secondo momento viene accoppiata la fodera a contrasto, in cui è stata precedentemente costruita la tasca con bottone automatico. Con le sue linee nette ma femminili, i manici regolati da fibbie e un'idea di purezza funzionale, la borsa si presta ogni stagione a diverse interpretazioni, legate all'uso di colori e materiali, dal vitello stampato al coccodrillo vintage, mescolate in combinazioni di tinte a contrasto e abbinamenti tono su tono.

Gucci presenta a Firenze 'Rafea: Solar Mama'

Otto marzo al cinema. In occasione della Festa della Donna, Chime For Change, la campagna promossa da Gucci in favore delle donne di tutto il mondo, in collaborazione con la Fondazione Sistema Toscana, presenta a Firenze il film 'Rafea: Solar Mama' di Jehane Noujaim e Mona Eldaief. La pellicola narra le vicende di Rafea, una donna beduina che vive con le sue figlie in uno dei villaggi più poveri del deserto della Giordania. Un giorno a Rafea viene offerta la possibilità di recarsi in India per frequentare il Barefoot College, dove donne analfabete provenienti da tutto il mondo vengono istruite per diventare 'ingegneri solari' nel giro di sei mesi. E così, vincendo la sua sfida, riuscirà a portare l'elettricità nel proprio villaggio, insegnando anche alle altre donne le nozioni apprese. Il film, presentato dal Gucci Tribeca Documentary Fund in collaborazione con la Fondazione Kering, è stato premiato nel 2011 con lo Spotlighting Women Documentary Award.

Missoni apre la Gindi Fashion Week

Missoni apre in qualità di ospite d'onore la Gindi Fashion Week con una sfilata della collezione Donna Estate 2014. Angela Missoni, direttore creativo della maison, sarà accompagnata da Rosita Missoni e dalla figlia Teresa Maccapani Missoni. A questa edizione parteciperà anche Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia, che dopo lo show conferirà a Missoni un premio per il made In Italy. La scenografia dell'evento ricalcherà le linee guida della sfilata dello scorso settembre a Milano, in cui leggeri telai in legno raffiguranti un macro zig zag appaiono quasi sospesi sopra un tappeto macrofiammato della linea Missoni Bolon. In programma dal 9 al 12 Marzo, la Gindi Fashion Week rappresenta uno degli eventi moda più prestigiosi per Israele con 21 brand di designer locali in calendario. Si terrà nel cuore di Tel Aviv in Menachem Begin dove sono stati appositamente allestiti cinque tendoni per un totale di 5000 Mq.

Debutta a Ginevra la Maserati Quattroporte by Zegna

Presentata in anteprima mondiale al Salone di Francoforte 2013, ha debuttato al Motorshow di Ginevra la versione definitiva della Maserati Quattroporte by Ermenegildo Zegna. Caratterizzata all'esterno da una speciale tinta color platino, applicata anche sui cerchi 'Mercurio' da 20'', la vettura ha l'abitacolo sui toni del Moka, Testa di Moro e Greige, una delicata fusione tra il grigio chiaro e il sabbia, ispirati allo stile delle collezioni moda maschili Zegna. Sul montante centrale, la targhetta personalizzata 'Ermenegildo Zegna Limited Edition'. I rivestimenti interni, in pelle con cuciture a contrasto, si alternano a tessuto in fibra di seta Jersey color Greige. Sulle alette parasole un'etichetta sartoriale 'Ermenegildo Zegna Exclusively for Maserati'. I sedili, dalla forma avvolgente, sono in trama chevron 100% in seta. Al centro, la consolle in radica, sulla quale è applicata la targhetta Limited Edition One of 100 in ottone. Il modello verrà prodotto a partire dal prossimo mese di luglio in soli cento esemplari.

Baldinini vende 35% società, in Italia non c'è futuro

"Chi vuole crescere va all'estero. In Italia si può soltanto andare male. I gioielli nazionali se ne vanno. Che altro potrebbero fare?". Gimmi Baldinini, proprietario della omonima maison di calzature, annuncia all'Adnkronos l'intenzione di vendere il 35% della società. "In Italia non c'è prospettiva. Le aziende vendono una parte delle loro quote. O anche tutta la società. Non c'è nulla di male. Da noi è tutto complicato: è normale che venga venduta una parte o anche tutta", confida. L'operazione di vendita verrà conclusa "entro la fine dell'anno sicuramente" spiega Baldinini. Al momento l'azienda sta trattando con "una ventina di potenziali compratori. Sono stati loro a venirci a cercare. Sono soprattutto stranieri e qualche italiano". Per certo, sottolinea l'imprenditore, "non si vende perché abbiamo bisogno di soldi, ma per essere più forti e crescere". Primi mercati da aggredire, spiega Cina e Stati Uniti. Oggi la maison fattura 120 milioni all'anno di cui 90 in Russia, suo mercato di riferimento. "L'obiettivo è arrivare a 200 - 250 milioni con il nuovo partner". In futuro anche la Borsa? "Valutiamo tutto, anche la quotazione. L'importante è essere forti e internazionali attraverso la creazione di punti vendita diretti. Non valutiamo multibrand che non servono al marchio". Infine un appello ai politici: devono capire che l'Italia viene venduta. Chi può se ne va. Non sono contro o a favore di Renzi - dice a proposito del nuovo premier - purché faccia quello che ha annunciato di voler fare".

Paul&Shark apre un nuovo flagship store a Istanbul

Paul&Shark ha inaugurato il nuovo flagship store di proprietà di Istanbul, nell'esclusivo quartiere di Nisantasi. Realizzato secondo il nuovo retail concept, inaugurato nel 2013 con il restyling del negozio di via Montenapoleone, lo spazio di circa 400 metri quadrati si articola su tre piani, in cui sono esposte le main collection uomo, donna e accessori e le diverse capsule dedicate al mondo della nautica e dell'avventura. L'apertura dello spazio di Istanbul è una nuova tappa nel percorso di potenziamento del retail diretto di Paul&Shark nei principali mercati Euro-Asiatici. Dopo le due aperture di inizio anno a Mosca, all'interno del prestigioso Shopping Center Galereja Moskva e in Leninsky Prospekt, il marchio si appresta ad aprire anche un terzo store nella capitale Russa, in Novinskij Bulvar. Nuove aperture in vista anche in Italia, che rimane un mercato fortemente strategico per il marchio controllato da Dama spa. Nel mese di marzo Paul&Shark aprirà nuove boutique in alcune tra le più importanti destinazioni del turismo internazionale alto di gamma, tra cui Forte dei Marmi, Ischia, Porto Cervo, Capri e Taormina, a cui si affiancherà il restyling del flagship di Firenze.

A Rho-Fiera chiude Mido, oltre 45.000 (+5%) visitatori

La 44esima edizione di Mido, mostra internazionale di ottica optometria e oftalmologia, che ha animato i padiglioni di Rho-Fiera Milano, ha chiuso registrando oltre 45mila presenze, di cui 25mila stranieri e 20mila italiani. "Le premesse del successo c'erano tutte", spiega il presidente di Mido, Cirillo Marcolin. "Molte nuove aziende hanno scelto Mido come piazza di debutto, alcuni grandi ritorni, la volontà di incrementare gli spazi dedicati al business e un fermento che si percepiva già alla vigilia. Il risultato ha confermato le aspettative". "Siamo molto soddisfatti di questa edizione 2014, che è andata anche oltre le nostre migliori aspettative", conclude Marcolin.

Geox: chiude 2013 con perdita di 29,749 mln di euro

Il gruppo Geox chiude l'esercizio 2013 con una perdita netta di 29 milioni e 749mila euro. I ricavi consolidati hanno registrato una flessione del -6,6% a 754,2 milioni di euro. ll risultato operativo lordo (Ebitda) si attesta a 10,7 milioni di euro, pari al 1,4% dei ricavi, rispetto a euro 61,6 milioni del 2012. Le calzature hanno rappresentato l'87% dei ricavi, attestandosi a euro 654,2 milioni, con una diminuzione del 5,1% rispetto al 2012. L'abbigliamento è stato pari al 13% dei ricavi consolidati raggiungendo euro 100 milioni, con una diminuzione del 15,6%. L'Italia rimane il mercato principale, con una quota del 32% dei ricavi del Gruppo (35% nel 2012) pari a 239,9 milioni, con una diminuzione del 16,1% rispetto all'esercizio precedente. I ricavi generati in Europa, pari al 44% dei ricavi del Gruppo (42% nel 2012), ammontano a euro 328,8 milioni, rispetto a euro 341,9 milioni del 2012, registrando una diminuzione del 3,8%. Il Nord America registra un fatturato pari a euro 53,7 milioni, riportando una diminuzione del 2,5%; gli Altri Paesi riportano un fatturato in crescita del 5,6% rispetto al 2012. Al 31 dicembre 2013 il numero totale dei 'Geox Shops' era pari a 1.299 di cui 450 DOS. Nel corso del 2013 sono stati aperti 215 nuovi Geox Shops e ne sono stati chiusi 128. Fra le aperture più significative si segnalano i negozi di Pechino, Shanghai e Hong Kong.

Utile di 12,6 milioni di euro in crescita del 23,9% per Yoox

Yoox chiude il 2013 con un utile di 12,6 milioni in crescita del 23,9% rispetto a 10,2 milioni del 2012. I ricavi netti hanno raggiunto i 455,6 milioni (+21,2%) rispetto a 375,9 milioni del 2012. L'ebitda si è attestato a 43,1 (+34,2%), con un margine del 9,5% in crescita rispetto all'8,5% nel 2012. La posizione finanziaria netta è positiva per 20,5 milioni, in crescita rispetto a 14,6 milioni del 2012. In aumento anche tutte le principali metriche di business: 13,2 milioni la media mensile dei visitatori unici, rispetto a 13 nel 2012; 2,8 milioni di ordini rispetto a 2,3 milioni nel 2012; 215 euro l'Aov (Average Order Value), rispetto a 206 euro nel 2012; 1,1 milioni i clienti attivi, rispetto a 947mila nel 2012. "Yoox si conferma nel 2013 un'azienda a forte crescita, con fatturato in aumento del 25% a tassi di cambio costanti. In più, Yoox è riuscita a superare ampiamente la soglia dell'Ebitda al 10% dei ricavi che, insieme alla forte generazione di cassa, rende Yoox più unica che rara nel panorama dell'e-commerce globale'', ha commentato Federico Marchetti, fondatore e amministratore delegato del Gruppo. "Continuiamo - ha assicurato - ad investire nel nostro ambizioso piano di innovazione tecnologica, con particolare attenzione al canale mobile, che a fine anno rappresentava già il 40% del traffico del Gruppo, e allo sviluppo di funzionalità cross-channel sulla nostra piattaforma. Confermiamo così il nostro impegno a migliorare costantemente il servizio offerto ai Brand, che hanno scelto Yoox come loro partner di riferimento per l'e-commerce, e ai nostri clienti, che ripongono crescente fiducia in noi".

A Milano Unica Cina +13,3% visitatori

Ha chiuso con un deciso aumento di visitatori (+13,3%) Milano Unica Cina, la manifestazione dell'alto di gamma tessile-accessori italiano. Sono state presentate le collezioni P/E 2015 della filiera tessile italiana. In tutto 124 gli espositori provenienti da tutti i distretti italiani. Il dato relativo ai visitatori rispecchia l'andamento del mercato cinese. Registra, infatti, la crescita nel livello qualitativo delle produzioni di abbigliamento cinesi, sempre più orientate verso un alto di gamma improntato sulla qualità, sull'innovazione e sul servizio. La risposta alle esigenze dei clienti finali del lusso, molto sofisticati e attenti alla tracciabilità del prodotto, di quella che, secondo l'Ocse, diventerà la più grande economia al mondo, giunge dunque dal nostro Paese. Analizzando il dato di affluenza, soprattutto in base alla risposta degli espositori di prodotti per il mercato uomo e donna, si conferma la crescita dell'interesse per le produzioni femminili. Nata come manifestazione prevalentemente dedicata all'uomo, Milano Unica registra anche questo cambiamento del mercato cinese. La donna sta entrando tra i grandi numeri, sta conquistando una fetta importante di mercato. Crescente la presenza di compratori internazionali provenienti da mercati limitrofi come India, Giappone e Australia ma pure da Russia, Stati Uniti e Paesi Scandinavi. Il prossimo appuntamento in Cina è per il 20-23 ottobre 2014 presso lo Shanghai New International Expo Centre.n

Safilo chiude 2013 con utile in calo a 15,5 mln euro

Il gruppo Safilo manda in archivio il 2013 con un utile di 15,5 milioni di euro, in calo del 40% rispetto all'anno precedente. L'utile netto adjusted cresce invece del 50% a 39 mln euro. L'utile netto sconta oneri non ricorrenti registrati nel secondo trimestre e nel quarto trimestre dell'anno. Nel 2013, il fatturato totale del gruppo ha raggiunto 1.121,5 milioni di euro rispetto ai 1.175,3 milioni di euro nell'esercizio 2012. Si sono confermati alla guida della crescita di Safilo i canali distributivi europei più forti in Germania, Francia e Regno Unito, il business travel retail e i principali mercati emergenti, dove il valore del portafoglio marchi si è espresso costantemente a tutti i livelli. Nella fascia high-end hanno brillato i big della categoria, Gucci e Dior, così come è stata di grande rilievo in tutti i paesi la progressione di marchi come Jimmy Choo e Céline. Nell'area fashion, le collezioni di Tommy Hilfiger, Boss Orange e Marc by Marc Jacobs hanno guadagnato spazio nei negozi dei grandi clienti e in nuovi mercati, mentre la performance positiva di Carrera è stata sostenuta dallo sviluppo del segmento vista in tutti i principali paesi. Luisa Delgado, ad del Gruppo Safilo, si è detta "soddisfatta dei risultati che abbiamo ottenuto nell'anno 2013: la nostra priorità strategica è stata quella di crescere in modo organico andando a sostituire il più possibile le licenze Armani attraverso un ampio sviluppo del portafoglio marchi, focalizzandoci sulla redditività del nostro business e consolidando la struttura patrimoniale e finanziaria del Gruppo. Safilo sta lavorando sulle proprie capacità e attitudini per cogliere in modo sistematico queste opportunità''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza