cerca CERCA
Martedì 09 Agosto 2022
Aggiornato: 07:01
Temi caldi

Moda, Tilda Swinton alla Pelanda, omaggio a Pasolini a Roma

15 giugno 2021 | 20.15
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Tilda Swinton a Roma negli spazi della Pelanda protagonista della performance 'Embodying Pasolini'

"Una performance immaginata come una mostra in divenire in un atelier d’artista, dove l’azione prende forma intorno all’abito, alter ego del corpo che lo indossa". Così Olivier Saillard - riconosciuto storico della moda, ex direttore del Museo Galliera di Parigi e fashion curator di fama mondiale, e Tilda Swinton, icona del cinema internazionale, insignita nel 2020 con il Leone d’Oro alla carriera, hanno ideato 'Embodying Pasolini', che sarà presentata in prima assoluta a Roma, negli spazi della Pelanda e del Padiglione espositivo del Mattatoio, in data 25 giugno 2021.

“Il racconto di Romaison sul legame fra il grande cinema internazionale e le eccellenze capitoline del costume e della moda prosegue con Embodying Pasolini - aveva dichiarato la sindaca di Roma Virginia Raggi - Accogliamo in città Tilda Swinton e Olivier Saillard, che ci incanteranno con una performance sorprendente. Roma si conferma capitale di una creatività unica al mondo, frutto della sintesi perfetta fra tradizione e innovazione".

Annunciato già nell’ottobre 2020, l’atteso evento si inserisce nel programma di Romaison, progetto dedicato al rapporto tra il costume e la moda, fortemente voluto dalla sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi, con l’organizzazione di Zétema Progetto Cultura e curato da Clara Tosi Pamphili, storica della moda.

Romaison si è configurato come un percorso di valorizzazione e studio delle produzioni degli atelier di costume romani e dei loro incredibili archivi di capi originali. Dalla grande mostra allestita al Museo dell’Ara Pacis lo scorso autunno, all’itinerario cittadino di proiezioni video architetturali 'Streetview', all’intensa programmazione web di approfondimenti tematici, tuttora disponibili sui canali ufficiali social Instagram e Facebook @romaisonproject.

Circa quaranta abiti disegnati da Danilo Donati per i film di Pier Paolo Pasolini, realizzati e tutt’oggi custoditi dalla Sartoria Farani, e una selezione di forme di legno del Laboratorio Pieroni, utilizzate per creare i cappelli indossati nei film del regista, che caratterizzeranno come presenze misteriose lo spazio dell’atelier, sono l’ideale punto di partenza da cui nasce e si sviluppa 'Embodying Pasolini', nella drammaturgia creata da Saillard e Swinton.

Dal Vangelo Secondo Matteo, a Uccellacci e uccellini, Edipo Re, Porcile, Il Decameron, I racconti di Canterbury, Il fiore delle Mille e una Notte, fino a Salò o le 120 giornate di Sodoma, i costumi - vestiti, cappotti, come fragili opere di fili intrecciati e tinti - ricreano una cinematografia 'svuotata' dai corpi degli attori, su cui l’azione performativa interviene. Quasi come fossero prigionieri di uno status monumentale, ridotti al silenzio - alcuni mai più stati neanche mostrati dopo le riprese - gli abiti saranno soggetto e oggetto di una pratica evocativa, attraverseranno il tempo della performance, a cui il pubblico è invitato ad intervenire.

Sarà Tilda Swinton a provare i costumi citati, a saggiarne consistenza e memoria dandogli corpo, non ricreando il ruolo al quale sono stati deputati, ma la mancanza, l’assenza, suggerendo il contrasto tra potenza e atto. "Sta a lei - scrive Olivier Saillard - raccontare nei buchi e nei vuoti di una manica cosa fosse un dialogo, uno scambio di attori, una scena".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza