cerca CERCA
Venerdì 03 Febbraio 2023
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

Mondiali 2022, Croazia batte Giappone ai rigori e va ai quarti

05 dicembre 2022 | 18.44
LETTURA: 2 minuti

1-1 dopo i tempi regolamentari e i supplementari

alternate text

La Croazia ha battuto il Giappone per 4-2 dopo i calci di rigore negli ottavi di finale dei Mondiali di Qatar 2022 e si è qualificata per i quarti di finale. La gara è terminata 1-1 dopo tempi regolamentari e supplementari. Al vantaggio nipponico firmato da Maeda al 43', ha replicato Perisic al 55'. Eroe della serata il portiere croato Livakovic, che ha parato 3 rigori.

Leggi anche

La sequenza dei penalty: Minamino (G) parato; Vlasic (C) gol; Mitoma (parato); Brozovic (C) gol; Asano (G) gol; Livaja (C) palo; Yoshida (G) parato; Pasalic (C) gol.

LA PARTITA - La prima occasione è dei 'Samurai Blu', partiti con la solita intensità e pericolosi già al 3' con un colpo di testa finito alto di un soffio di Taniguchi. La risposta croata non si fa attendere, ma sugli sviluppi di un erroraccio difensivo di Tomiyasu Perisic tergiversa troppo per poi calciare addosso al portiere all'8'. Inizia a crescere la pressione giapponese, con Ito imprendibile per Barisic e sistematicamente sul fondo. Al 13' è suo il cross velenoso sul secondo palo, non ci arriva Maeda in anticipo su Lovren.

La Croazia soffre e si affida più ai singoli che al collettivo, mentre sul fronte opposto la Nazionale nipponica alza ulteriormente il baricentro. Filtrante di Endo per Kamada, che rientra sul destro e calcia spedendo la sfera sopra la traversa al 41'. È il preludio del vantaggio giapponese, che arriva al 43' da uno schema su calcio d'angolo dalla destra: pallone messo dentro da Doan, con Maeda tenuto in gioco da Lovren e lesto a girare in rete alle spalle di Livakovic per l'1-0 con il quale termina la prima frazione.

In avvio di ripresa il Giappone sembra ripartire come nel finale di primo tempo: Kamada compie una sterzata improvvisa ed esplode un destro che termina alto sopra la traversa al 46'. La Croazia risponde con un tiro di Kovacic al 49' e al 55' trova il pari con un altro ex Inter, Ivan Perisic, bravo a battere Gonda con un potente colpo di testa dalla lunetta dell'area di rigore sugli sviluppi di un cross dalla trequarti di Lovren. Al 63' la nazionale di Dalic sfiora il clamoroso ribaltone: gran botta col destro di Modric, ma Gondo vola spedendo a lato. È ancora Perisic a preoccupare il Giappone al 77', approfittando di un errore di Yoshida per calciare quasi a botta sicura, ma Tomiyasu ci mette una pezza con una deviazione provvidenziale.

Non si sblocca neanche ai supplementari l'equilibrio di Giappone-Croazia. Se nel primo tempo il più pericoloso è Mitoma al 105', autore di un tiro centrale ben parato da Livakovic, l'occasione principale del secondo è invece quella di Majer al 121': tiro dal limite de croato entrato da poco, ma palla lontana dalla porta di Gonda. Si arriva ai rigori e sale in cattedra Livakovic e la Croazia vola ai quarti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza