cerca CERCA
Giovedì 16 Settembre 2021
Aggiornato: 18:51
Temi caldi

Mondiali, 35 giorni al via. Carraro, Italia buona squadra ma girone difficile

08 maggio 2014 | 08.32
LETTURA: 2 minuti

alternate text

"L'Italia è una squadra buona, ha fatto dei buoni risultati, ma ha un girone di qualificazione molto brutto e soprattutto ha un disagio ambientale superiore a quello di altre squadre che cominciano il Mondiale in altri luoghi". Franco Carraro, membro del Comitato Internazionale Olimpico, ex Presidente del Coni, della Figc e della Lega Calcio, mette in guardia gli azzurri di Cesare Prandelli sulle difficoltà del girone del Mondiale in Brasile che prende il via tra 35 giorni, con Inghilterra, Costarica e Uruguay che l'Italia giocherà nelle città di Manaus, Recife e Natal.

Soprattutto il primo periodo a Manaus in Amazzonia potrà creare problemi alla nazionale. "Questo rende difficile la qualificazione e probabilmente complica la vita anche successivamente perchè stare molti giorni in un clima molto umido debilita i giocatori. Ai Mondiali del 1982 -racconta Carraro all'Adnkronos- uno dei motivi per cui eravamo forti e pimpanti alla fine è che a Vigo faceva freddo durante il torneo di qualificazione. Io comunque conto molto sulla professionalità e sulla serietà di Prandelli e speriamo che lo stellone ci assista un po', ci vuole un po' di fortuna".

Secondo Carraro "il Brasile è la favorita d'obbligo, ma anche l'Argentina non mi sembra da sottovalutare, e poi nel Brasile, che è sicuramente forte, la mentalità puo' far sì che giocare in casa sia un elemento non positivo, e avranno l'incubo del 1950...", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza