cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 10:23
Temi caldi

Mondo Rai/appuntamenti e novità

22 febbraio 2020 | 19.03
LETTURA: 11 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Domani, alle ore 21 su Rai2. torna l’appuntamento con Che Tempo Che Fa di Fabio Fazio con Luciana Littizzetto e Filippa Lagerbåck. Lo show è preceduto alle ore 19.40 da Che Tempo Che Farà, con i divertenti sketch di Mago Forest, Ale e Franz e con l’inviato speciale Gigi Marzullo. Ospiti della puntata: il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e il virologo Roberto Burioni per un aggiornamento sul Coronavirus, con collegamenti con le zone interessate dal contagio; l’imprenditore Massimo Moratti, presidente di Saras ed ex presidente e proprietario dell’Inter, che ha guidato per 18 anni, durante i quali ha firmato uno storico triplete nel 2010 e vinto 16 trofei; Giorgio Panariello, da marzo a teatro con lo spettacolo “La favola mia” per celebrare il suo 60° compleanno e i 20 anni di carriera; Elio Germano, protagonista del nuovo film di Giorgio Diritti, “Volevo nascondermi”, in cui interpreta Antonio Ligabue; in studio con lui lo storico dell’arte e critico Flavio Caroli; Pinguini Tattici Nucleari, la band rivelazione dell’ultimo Festival di Sanremo, dove è arrivata terza col brano Ringo Starr, al vertice dell’airplay radiofonico; il sindacalista italo-ivoriano dell’USB Aboubakar Soumahoro, da anni impegnato nella lotta per i diritti dei braccianti e dallo scorso 11 febbraio in marcia con “Il cammino dei bisogni”; la conduttrice televisiva e radiofonica Aurora Ramazzotti; la modella di origine senegalese Maty Fall Diba, protagonista della copertina di Vogue Italia. A chiudere la serata, 'Che Tempo Che Fa – Il tavolo' con Nino Frassica, Gigi Marzullo, Mago Forest. Ospite il presentatore Stefano De Martino, voce del protagonista del nuovo cartone animato “Arctic – Un’avventura glaciale”. Torna al tavolo anche Aurora Ramazzotti.

Torna su Rai1, dopo il successo della prima stagione, la saga dei Rizzo: la famiglia di siciliani emigrati in America con a capo l’affascinate Carmela, una donna volitiva, tenace e coraggiosa, ma soprattutto madre attenta e premurosa, pronta a lottare contro ogni avversità pur di proteggere e dare un futuro ai suoi figli. Tre prime serate, in onda da domani, in prima visione su Rai1. “La vita promessa – Parte II” è una coproduzione Rai Fiction – Picomedia, prodotta da Roberto Sessa con Max Gusberti, per la regia di Ricky Tognazzi. Firmano la sceneggiatura Franco Bernini, Simona Izzo, Franco Marotta e Laura Toscano. Luisa Ranieri è ancora una volta protagonista di una storia appassionante che unisce il pathos del melodramma materno alla tensione del gangster movie, la cornice affascinante della famosa Little Italy newyorkese all’attualità di un tema come quello dell’immigrazione. Attraverso le vicende private e personali dei Rizzo si traccia un affresco dell’epoca, dal punto di vista degli italo-americani. In questa seconda stagione ci troviamo a cavallo tra gli anni ‘30 e ‘40. I protagonisti della serie sono personaggi di fantasia che interagiscono con personaggi storici, come Lucky Luciano e Fiorello La Guardia.

Domani, alle 21.20 su Rai3 Amore Criminale racconta la storia di Guerrina. Una donna di cinquant’anni, che vive a Cà Raffaello, un piccolo centro di poco più di cento persone, nella provincia di Arezzo. Da tutti viene descritta come una donna schiva e triste, solitaria e poco socievole, mentre Mirco, il marito, è un uomo semplice, disoccupato da tempo, dedito all’abuso di alcol da tanti anni. La nascita di un figlio con problemi di salute e la morte di un secondo figlio segnano in modo profondo le loro fragili vite tanto che, le incomprensioni e le difficoltà economiche che sopraggiungono con gli anni, trasformeranno il loro matrimonio in una convivenza forzata, fatta di silenzi e consuetudini. A sconvolgere la monotonia del loro matrimonio e del piccolo paesino di provincia, sarà l’arrivo di Padre Graziano, il nuovo parroco del paese. Guerrina, grazie alle attenzioni del frate congolese, riscopre la propria femminilità, e crede che ci sia anche per lei la possibilità di un nuovo amore. Ma le cose non andranno così. Dopo circa 8 mesi di relazione clandestina, Guerrina chiede al prete congolese di uscire allo scoperto, gli propone di abbandonare l’abito sacerdotale e di trasferirsi con lei e il figlio in un’altra città, dove iniziare una nuova vita insieme. Il primo maggio del 2014, Guerrina chiede a Padre Graziano un incontro chiarificatore. Alcuni passanti la vedono incamminarsi sulla strada che porta alla canonica, ma da quel momento di lei, si perdono completamente le tracce. Solo dopo alcuni mesi, quando tutti pensano a un allontanamento volontario, emerge dai tabulati telefonici l’esistenza di circa 4.000 contatti telefonici tra la donna e il prete congolese, una scoperta investigativa che getterà le basi per l’incriminazione di Padre Graziano, quale responsabile della morte di Guerrina. Alla fine di un processo indiziario, Padre Graziano verrà condannato in via definitiva per l’omicidio volontario di Guerrina e per l’occultamento del suo corpo, che a oggi non è mai stato ritrovato.

Un viaggio per scoprire cosa resta dell'India coloniale britannica, quali sono i suoi lasciti e come da allora è cambiato questo paese. È il nuovo episodio della serie in prima visione “Prossima fermata Oriente”, in onda domani alle 21.15 su Rai5. Il giornalista ed ex ministro britannico Michel Portillo visita gli stati del Karnataka e Tamil Nadu nell’India del Sud. Qui incontra abitanti del luogo, assaggia i piatti della cucina angloindiana e si spinge fino a Bangalore, la capitale tecnologica del continente indiano. La serie compie un viaggio in treno dall’Ucraina all’India seguendo gli itinerari di una celebre guida ferroviaria, la Bradshaw's Guide del 1913. Protagonista è il giornalista ed ex ministro britannico Michael Portillo, che viaggiando sulle tratte ferroviarie più scenografiche del mondo racconta in sei tappe luoghi straordinari, dalla “Gerusalemme di Russia” all’India dei Maharaja e dell’Impero inglese, cercando di comprendere le origini di tensioni e conflitti che caratterizzano il presente.

E’ il 1926. In occasione della sua ultima tournée mondiale, il celebre illusionista Houdini mette in palio diecimila dollari per chi sarà grado di ripetergli esattamente che cosa la madre gli ha detto poco prima di morire, mettendosi in contatto con il suo spirito. Quando lo spettacolo fa tappa a Edimburgo, pronta ad accettare la sfida, si presenta una giovane e bella donna che si esibisce come sensitiva insieme alla figlia. È il film “Houdini. L’ultimo mago” – di Gillian Armstrong con Guy Pearce, Catherine Zeta-Jones, Saoirse Ronan, Timothy Spall - in onda domani alle 21.10 su Rai Storia per il ciclo “Binario Cinema”.

Domani, alle 20.30 su Rai3 quarto appuntamento con Grande Amore, il docureality condotto da Carla Signoris, ideato e diretto da Angelo Bozzolini: una serie di ritratti inediti di personaggi del nostro tempo - nel mondo della musica, del teatro, della televisione e della storia - attraverso il racconto del legame amoroso che ha più segnato la loro vita. In questa puntata Carla Signoris racconterà la grande storia d’amore tra Luciano Pavarotti e Nicoletta Mantovani. Un amore inizialmente difficile quello tra il Maestro e la giovane studentessa, un sentimento fortissimo che ha dovuto lottare contro i pregiudizi e difendersi dai riflettori. La testimonianza di Nicoletta offre uno spaccato particolare della vita della coppia e un ritratto intimo di Pavarotti padre, che partecipa con grande tenerezza all’accudimento della figlia Alice. La narrazione è arricchita da filmati di famiglia inediti e dai contributi della giornalista e scrittrice Anna Cataldi, ex Messaggero di Pace presso le Nazioni Unite, del giornalista Luca Dondoni, del critico musicale Matteo Cruccu e del flautista Andrea Griminelli, con cui Pavarotti ha spesso condiviso il palcoscenico.

Quella di Firenze Capitale è una storia oggi quasi dimenticata. Eppure è nel capoluogo toscano che l’Italia trovò il suo centro in una fase cruciale della sua storia, tra il 1865 e il 1871. Anni in cui a Roma regnava ancora il Papa, protetto dalla Francia di Napoleone III. Paolo Mieli ne parla con uno dei maggiori specialisti del Risorgimento italiano, lo storico Gilles Pécout, a “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda domani alle 20.30 su Rai Storia. È proprio in seguito a un accordo con Parigi che la capitale lascia Torino e viene trasferita in Toscana, culla della cultura e della lingua italiana. Un evento che muterà profondamente il volto urbanistico ed economico di Firenze. Ma fiorentini e torinesi come vissero quel cambiamento? E cosa rimane oggi di quell’esperienza?

“Le origini del sistema solare – Comete e asteroidi” è il tema della nuova puntata di “Space to Ground – Guida per viaggiatori galattici”, in onda domani, alle ore 15.45 su Rai Gulp e RaiPlay, con la conduzione di Linda Raimondo e gli interventi di Luca Parmitano. Le comete e gli asteroidi risalgono al momento della creazione del sistema solare. A spiegarne la nascita sarà l’ingegnere del Centro europeo per la ricerca e la tecnologia spaziale (ESTEC), Paolo Martino. L’astronauta Luca Parmitano, inviato speciale nello spazio, spiegherà invece cosa accade all’interno del modulo Columbus. Curioso l’esperimento di questa settimana. Linda Raimondo spiegherà come con pochi semplici ingredienti e la supervisione di un adulto si può fare una cometa nella cucina di casa. Con ghiaccio secco, grafite, soia, alcol, ammoniaca e sabbia, nelle quantità che vi indicherà la conduttrice, indossati occhiali protettivi e guanti da forno è possibile, in pochi semplici passaggi, ottenere una vera e propria cometa grazie alla reazione tra i differenti ingredienti e il ghiaccio secco. Space To Ground ha il patrocinio dell’ASI - Agenzia Spaziale Italiana e dell’ESA - Agenzia Spaziale Europea che ne garantiscono i contenuti scientifici, mentre le grafiche sono sviluppate da AIV da- Accademia Italiana Videogiochi e gli straordinari filmati della NASA e dell’ESA ci mostrano l’avventura spaziale in tutta la sua meraviglia.

Nella puntata di domani de Il Posto Giusto, in onda alle 13 su Rai3 e condotto da Federico Ruffo, l’esperto di politiche del lavoro Romano Benini farà il punto sul funzionamento della stabilizzazione dei tirocinanti, lo strumento che consente di dare un incentivo alle aziende che assumo giovani iscritti a Garanzia Giovani, che svolgono un tirocinio. La trasmissione, prodotta dalla terza rete Rai in collaborazione con Anpal e Ministero del Lavoro, ospiterà l’attore di “Un Posto al Sole” Michelangelo Tommaso, che racconterà la sua carriera e il percorso che l’ha portato dai palcoscenici teatrali alla televisione. In studio sarà presente, come sempre, il formatore Fabrizio Dafano, per commentare veri colloqui di lavoro e indicare le strategie migliori da adottare di fronte a un selezionatore. Sono sempre di più le aziende che hanno bisogno di macchinari automatizzati per semplificare e velocizzare i processi produttivi, ma il lavoro dei tecnici specializzati è indispensabile per il loro funzionamento: l’automazione è principalmente collaborativa, non sostitutiva. Rebecca Vespa Berglund fornirà in merito i dati aggiornati sugli operai e sui conduttori di macchine più richiesti dal mercato del lavoro. La sicurezza dei lavoratori è un tema di grande attualità ed è un diritto inalienabile. Le telecamere de Il Posto Giusto sono andate a Forlì per raccontare la giornata di un tecnico per la prevenzione e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Valerio Lundini parlerà di dichiarazione dei redditi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza