cerca CERCA
Giovedì 24 Giugno 2021
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Mondo Rai/appuntamenti e novità

05 marzo 2020 | 20.40
LETTURA: 8 minuti

alternate text
(Fotogramma)

'L’Italia unita ce la farà' è il titolo dello speciale 'Porta a Porta', in onda domani alle 21,25 su Rai1. Spirito della trasmissione sarà fotografare lo sforzo gigantesco e gli enormi sacrifici che la popolazione italiana sta compiendo in queste settimane. Insieme con Bruno Vespa, saranno alcuni tra i volti più popolari della Rai a porre agli scienziati le domande che si fa ciascuno di noi. Ci saranno accurate testimonianze dalle zone più colpite, e verranno rappresentate le posizioni del Governo, dell’opposizione e delle categorie più colpite dalle conseguenze dell'epidemia di coronavirus.

Al primo gennaio 2019, gli italiani “Giusti tra le nazioni” riconosciuti da Yad Vashem, il grande memoriale dell’Olocausto dello stato di Israele, sono 714 su un totale di 27.362 in 51 Paesi di tutto il mondo. Persone che rischiarono in prima persona per salvare vite umane e che la professoressa Anna Foa e Paolo Mieli ricordano nell’appuntamento con “Passato e Presente”, realizzato in occasione della “Giornata dei Giusti”, domani alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia.Gli ebrei presenti in Italia nel settembre 1943, il periodo in cui ebbe inizio la Shoah nel nostro Paese, erano oltre 38 mila, di cui circa 33 mila italiani e 5 mila stranieri. Di questi, 7 mila furono deportati, mentre circa 31 mila non subirono né arresti né deportazioni. Una percentuale elevata rispetto a molti Paesi d'Europa, che non può essere ricondotta alla sola opera di salvataggio compiuta dai Giusti italiani. Ma chi sono i non ebrei italiani che hanno rischiato la propria vita per salvare gli ebrei dalla Shoah, compiendo imprese eroiche tali da essere riconosciute dalla Suprema corte israeliana ed essere, per questo, insigniti del titolo di “Giusti”? Hanno agito individualmente o all’interno di reti più estese e organizzate?

Nuovo doppio appuntamento con la terza stagione del telefilm "The Good Doctor", in prima visione assoluta domani alle 21.20 su Rai2 con Freddie Highmore, Nicholas Gonzalez, Antonia Thomas. Nel primo episodio dal titolo Il coraggio di Charlie, Shaun affronta il caso di una donna affetta da una malattia genetica rara che annulla le difese immunitarie. Morgan e Claire si occupano di Charlie, un bambino che dovrà sottoporsi a un’operazione che lo renderà cieco. Nel frattempo Melendez e Lim decidono di interrompere la loro relazione. A seguire Lancio sulla luna, in cui Carly, dopo un’accurata ricerca, scopre che esiste una tecnica che gli psicologi usano per curare alcune forme di fobia, e decide di metterla in pratica con Shaun per tentare un approccio fisico. Andrews affida a Morgan il suo primo intervento e la ragazza è costretta a confessare al Dottor Glassman un suo segreto, temendo di non riuscire a portarlo a termine. Nel frattempo, il rapporto tra Melendez e la Dottoressa Lim si fa sempre più teso.

Serena Rossi è l’attrice-narratrice del docu-film dedicato alla stilista e imprenditrice Laura Biagiotti, all’interno del ciclo “Illuminate”, che racconta la vita e l’eredità di quattro straordinarie donne italiane, prodotto da Anele in collaborazione con Rai Cinema, in onda domani alle 23.05 su Rai3. A partire dagli studi in archeologia cristiana, passando per le sue prime esperienze nel mondo della moda presso il piccolo atelier della madre Delia, fino ad arrivare agli eccezionali successi professionali, il docu-film ricostruisce la vita della stilista raccontando la determinazione, la forza ma anche la dolcezza di un’imprenditrice che non ha tralasciato la sua famiglia, creando il luogo di lavoro accanto alla sua abitazione. Nell’esplorazione degli angoli più intimi e privati della casa, Serena Rossi è guidata da Lavinia Biagiotti Cigna, figlia di Laura, che accompagna l’attrice alla scoperta delle stanze del castello e del passato straordinario di una madre imprenditrice, pioniera, mecenate. Il viaggio di Serena Rossi prosegue nei diversi ambienti dell’atelier Biagiotti, dove l’attrice-narratrice lascia la parola a diverse personalità che la aiutano a ricostruire il profilo più intimo della stilista. A ridisegnare il ritratto di una donna che ha cambiato il mondo della moda in Italia e nel mondo, contribuiscono infatti, con le proprie testimonianze, le amiche storiche Silvana Giacobini, Romina Power e Nancy Brilli, protagonisti del settore della moda come Beppe Modenese e Santo Versace, e due rappresentanti del mondo dell’arte, Carla Fracci e Vittorio Sgarbi.

Sette giorni: è il tempo che l’Istituto Superiore di Sanità ha chiesto per giudicare i risultati delle misure anti-coronavirus messe in campo dal nostro Paese. A una settimana da quella richiesta, Petrolio Files, il programma di approfondimento condotto da Duilio Giammaria, torna in onda domani alle 23.15 su Rai2 con una puntata di scienza dal titolo Caccia al Virus, per raccontare a che punto siamo nell’emergenza Covid-19. Il sistema della sanità italiana alla prova dell’epidemia. Come affrontano la quarantena cittadini e imprese? Dalle zone rosse, alle zone gialle, fino alle zone bianche, con gli ultimi contagi, l’Italia tenta il contenimento dell’epidemia. Una corsa contro il tempo per spegnere i focolai, allestire nuove strutture sanitarie, curare i pazienti. Una corsa contro il tempo per il vaccino. L’indagine sul RNA del virus, i fisici che elaborano le curve del contagio, le grandi scoperte della nostra medicina: ricercatori e medici italiani in prima linea. Tutto quello che c’è da sapere su Covid-19, e sulle strategie mediche e scientifiche per combatterlo. Tra gli ospiti: Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettivo dell’Ospedale San Martino di Genova, il microbiologo Rino Rappuoli, Massimo Ciccozzi, responsabile del reparto di Epidemiologia del Campus Biomedico di Roma, l’immunologo Alberto Mantovani, professore emerito dell’Humanitas University.

Un doppio appuntamento dedicato alla figura femminile nell’arte di Massimo Campigli ed Erwin Blumenfeld. È la serata che il programma di Rai Cultura “Art Night” - di Silvia De Felice, Alessio Aversa e Marta Santella, con la regia di Andrea Montemaggiori in onda domani dalle 21.15 su Rai5 - dedica alle donne nei giorni che anticipano la Giornata internazionale della donna. Apre la serata, introdotta da Alessio Aversa dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il documentario tratto dalle Teche Rai “Massimo Campigli. Nel labirinto dell’anima” che racconta uno degli artisti più significativi del Novecento italiano, a lungo dimenticato dalla critica e oggi al centro di nuove letture, che nella figura femminile ha trovato la sua massima fonte d’ispirazione e soggetto perfetto da dipingere. Il suo universo pittorico è popolato di donne. Apparentemente uguali ma tutte diverse. Le sue donne clessidra, ornate di gioielli e corsetti, sono misteriose e suggestive. Abitano un mondo sospeso. Immagini ieratiche di una bellezza senza tempo. A commentare il documentario Paolo Campiglio, ricercatore di Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università degli Studi di Pavia. La figura femminile è protagonista assoluta anche negli scatti di Erwin Blumenfeld, fotografo di moda tra i più iconici, raccontato nel documentario “L’uomo che fotografava le donne”. Sopravvissuto a due guerre mondiali, è diventato uno dei fotografi di moda più pagati al mondo, influenzando la fotografia come forma d'arte. La sua storia di successo ma anche le sue vicissitudini familiari vengono raccontate attraverso le sue fotografie, film di moda, home-movie e autoritratti, per rivelare un uomo ossessionato dalla ricerca di donne bellissime, ma anche dall'infinita possibilità artistica della fotografia stessa. Il documentario mostra l'esclusivo archivio Blumenfeld - dalle innovative opere giovanili alle iconiche copertine di Vogue. Con i contributi dei principali fotografi Rankin, Nick Knight e Solve Sundsbo e la supermodella ultraottantenne Carmen Dell'Orefice, che raccontano la complessa carriera e la vita di uno degli artisti più originali del XX secolo.

Una puntata speciale di Fuori Tg dedicata alle organizzazioni e ai traffici illegali che affollano e opprimono molti quartieri di Roma. Le indagini della Procura distrettuale antimafia hanno individuato reti di distribuzione e traffico di stupefacenti, nuove piazze di spaccio di droga, ma anche affari nelle slot machine e nel gioco online, riciclaggio di denaro in settori come ristorazione, centri commerciali, grande distribuzione, e perfino tentativi di infiltrazione nel calcio dilettantistico. La presenza pervasiva di clan di ‘Ndrangheta e Camorra nella capitale, domani alle 12.25, a Fuori Tg su Rai3 con l’inviato del Tg3 Fabrizio Feo. Fuori Tg è lo spazio quotidiano di approfondimento del Tg3 a cura di Maria Venditti e condotto da Maria Rosaria De Medici.

A rappresentare il coraggio delle donne, alla vigilia della Giornata internazionale della donna, nella puntata di Quante Storie in onda domani, venerdì 6 marzo, alle 12.45 su Rai3, Giorgio Zanchini ospiterà Esperance Hakuzwimana Ripanti, una ragazza originaria del Rwanda arrivata da bambina nel nostro paese. Il racconto del viaggio che l'ha portata a essere, nello stesso tempo, italiana e straniera, diventa l'emblema dell'intero movimento di emancipazione femminile, mai come in questo momento in precario equilibrio tra il riconoscimento dei propri diritti e la negazione di una vera parità.

Napoleone Bonaparte respinse e ispirò, allo stesso modo, gli artisti del suo tempo e con lui l'Arte francese subì una drammatica svolta. Lo racconta “Art of Francia”, in onda domani alle 19.20 su Rai5. La serie compie un viaggio tra le opere d'arte francesi attraverso i secoli per ripercorrere la storia e il carattere di una intera nazione. Storia e arte in Francia sono sempre andate di pari passo, entrambe soggette a cambiamenti violenti. Uno scontro continuo tra rivoluzione e tradizione, libertà e restrizioni, che ha prodotto una delle vette artistiche più alte che il mondo conosca. Lo storico dell’arte Andrew Graham-Dixon riannoda i fili di questo complesso rapporto: dai Rivoluzionari che decretarono la fine di uno dei Re più potenti d'Europa e degli artisti di corte, ai Rivoluzionari dell'Arte Moderna, giovani artisti arrabbiati che, nei loro bar e cabaret, avrebbero reinventato l'arte di tutto il mondo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza