cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 13:33
Temi caldi

Mondo Rai/ Appuntamenti e novità

25 maggio 2020 | 22.53
LETTURA: 6 minuti

alternate text

Questa settimana Montalbano raddoppia. Dopo “Un covo di vipere”, in onda lunedì, le grandi indagini di Luca Zingaretti nei panni del Commissario più famoso d’Italia tornano anche domani, martedì 26 maggio, alle 21.25 su Rai1, con il film “Come voleva la prassi”, tratto dai racconti di Andrea Camilleri, per la regia di Alberto Sironi. Il cadavere di una bella ragazza viene ritrovato sul pavimento di un androne. Indosso ha solo un accappatoio intriso di sangue. Montalbano sospetta che sia una prostituta dell’Est Europa e spera che i Cuffaro, che gestiscono il mercato della prostituzione, isolino i responsabili di un crimine così efferato: ma sarà lo stesso Cuffaro a subire un attentato. Montalbano però scova tra i condomini un complice che ha ripreso con una telecamera il festino in cui è morta la ragazza. Durante l’indagine, Salvo fa un incontro inquietante con il giudice in pensione Leonardo Attard che lo lascerà con molti interrogativi.

Gli Arteteca, il duo comico molto apprezzato dal pubblico di Made in Sud, sarà protagonisti della prima serata di Rai2, domani, martedì 26 Maggio, alle 21.20, con il film “Vita, cuore, battito”. La commedia, ambientata a Napoli, vede al centro della storia Enzo e Monica, due fidanzati trentenni della periferia partenopea che conducono una vita fatta di routine e poche e semplici soddisfazioni. Enzo, ragazzo buono ma distratto, fa il commesso in un negozio di abbigliamento giovanile e riesce a mantenere il suo posto per pietà del datore di lavoro. Monica, invece, è parrucchiera ed estetista. Ma un giorno arriva la svolta: Enzo, insieme al suo datore di lavoro, vince un terno al lotto clandestino. Il premio però non sarà liquidato tutto in denaro: una parte della vincita verrà saldata sotto forma di viaggio culturale. La giovane coppia partirà, tra mille comiche vicissitudini, per una vacanza in Spagna per espandere i propri orizzonti culturali.

L’universo creato dal Big Bang e quello “nato” dalla penna di Dante Alighieri: mondi che – tra scienza e letteratura - Lucia Votano e Luca Serianni raccontano a “#maestri”, il programma di Rai Cultura condotto da Edoardo Camurri in onda domani, martedì 26 maggio, alle 15.20 su Rai3 nell’ambito dell’accordo Rai – Ministero dell’Istruzione per #lascuolanonsiferma. Lucia Votano, dirigente di ricerca associata all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, spiega la nascita del nostro universo, parla della sua “imperfezione”, nata dalla rottura della sua simmetria nei primissimi istanti della sua vita, e ripercorre la sua storia evolutiva, tra materia e antimateria, particelle e neutrini. Luca Serianni, ordinario di Storia della lingua italiana all'Università “La Sapienza”, si sofferma invece su Dante e la Commedia in cui ha unito cielo e terra, sottolineandone la capacità di rappresentare – attraverso la sua lingua e la sua scrittura – il mondo reale, nella sua ricchezza terrena e ultraterrena.

Su Rai4 ‘Wonderland’ fa paura

Rai4 sarà invasa da demoni, fantasmi e vampiri. Martedì 26 maggio, in seconda serata, la nuova puntata di “Wonderland” sarà tutta dedicata all’horror, con un focus sul glorioso cinema di paura italiano che ha spopolato nelle nostre sale negli anni ‘60. A raccontare gli anni d’oro dell’horror Made in Italy sarà il critico cinematografico Steve Della Casa, autore anche del documentario “Boia, maschere e segreti: l’horror italiano degli anni sessanta”, presentato alla 76^ edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Il magazine del fantastico e del crime dedicherà poi lo spazio "POP" all’amatissimo videogame “Minecraft” nella sua inedita incarnazione che unisce le dinamiche da gioco di ruolo con l’azione. “Minecraft Dungeons” mantiene intatto lo spirito della saga originaria, compresa la caratteristica impostazione grafica a cubetti, ma si fonde con dinamiche narrative tipiche del fantasy e aggiunge una massiccia dose d’azione al gameplay.

Il sequestro del miliardario Freddy Heineken, magnate della birra, e del suo autista Ab Doderer, rapiti nel 1983 ad Amsterdam: una storia che Daniel Alfredson racconta nel film “Il caso Freddy Heineken”, in onda domani, martedì 26 maggio, alle 21.15 su Rai5 (canale 23). Tra gli interpreti Jim Sturgess, Sam Worthington, Ryan Kwanten, Anthony Hopkins, Mark van Eeuwen. Tratto dal libro di Peter de Vries "The Kidnapping of Alfred Heineken", il film viene proposto senza interruzioni pubblicitarie e anche in lingua originale.

La puntata di “Match” del 25 gennaio 1978, riproposta domani, martedì 26 maggio, alle 22.10 su Rai Storia (canale 54), ha come tema centrale il “ruolo degli intellettuali” nella società contemporanea. Alberto Arbasino chiama a parlarne due esponenti di primo piano della letteratura italiana del Novecento: lo scrittore e giornalista Alberto Moravia e il poeta Edoardo Sanguineti. I due scrittori, nel corso della puntata, discutono animatamente in base alla proprio esperienza diretta, mentre nel dibattito intervengono anche i giornalisti Severino Cesari del Manifesto; Romano Ledda di Rinascita che chiede se “esistono ancora gli intellettuali” e Angelo Pasquini, un insegnante che aveva scritto su alcuni fogli del Movimento del ’77.

La storia dell'ecologia su Rai Scuola, il doc su Alain Delon su Rai5

La storia dell’ecologia in Italia. Se ne parla nel nuovo appuntamento con “c”, il programma di informazione e approfondimento scientifico di Rai Cultura, in onda domani, martedì 26 maggio, alle 21.30 su Rai Scuola (canale 146). Ospite di Davide Coero Borga, Danilo Marandola, ricercatore presso il Centro di Politiche e Bioeconomia del Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) di Roma e professore dell’Università del Molise, che analizza le differenze tra i prodotti da agricoltura biologica e quelli da agricoltura intensiva. Massimo Temporelli spiega, invece, il concetto di ecosistema, un sistema formato da quattro elementi in equilibrio tra loro: la materia abiotica, gli organismi autotrofi (i produttori), gli animali (i consumatori) e i decompositori (batteri e funghi). In primo piano anche il tema dell’agricoltura biologica come moda del mondo occidentale che continua però a inquinare e a sfruttare il territorio del terzo mondo.

Riprende la collaborazione di RadioLive con Rai Responsabilità Sociale e “Questioni di Stilo” dedica la puntata di martedì 26 maggio, alle 18, a due campagne istituzionali: quella del FAI e quella di Greenpeace. Il Fai lancia per il decimo anno consecutivo il censimento de “I Luoghi del Cuore”, invitando tutti i cittadini italiani, tra il 6 maggio e il 15 dicembre 2020, a votare i luoghi italiani che vorrebbero vedere maggiormente tutelati e valorizzati. Al microfono di Sabina Stilo: Federica Armiraglio , Responsabile Censimento I Luoghi Del Cuore e Fabiola Franchi, Presidente Associazione Certosa di Calci. In trasmissione si parlerà anche della campagna di Greenpeace per promuovere la salvaguardia dell’ambiente: interverranno Luca Iacoboni, responsabile della Campagna Clima di Greenpeace e Federica Ferrario, responsabile della Campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace. “Questioni di Stilo” si ascolta al link www.radiolive.rai.it, oppure su RaiPlay Radio, sulle radio Dab + e sul digitale terrestre televisivo.

Ha incantato almeno tre generazioni divenendo una icona del cinema, ma su di lui non esistono biografie ufficiali autorizzate. Il documentario “Alain Delon, il lato oscuro di una star”, in onda domani, martedì 26 maggio, alle 20.15 su Rai5 (canale 23), prova a ricostruire la vita e la carriera di questo divo amatissimo. Solo un film diretto da Jean-Pierre Melville riesce ad andare oltre il velo del riserbo di cui Delon si circonda: "Frank Costello faccia d'angelo" ("Le Samouraï" in originale) che Delon interpreta nel 1967 all'età di 31 anni e in cui veste i panni di un assassino e di un guerriero. L'uomo sembra inconsolabile e conduce una vita solitaria, come il suo interprete.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza