cerca CERCA
Domenica 16 Gennaio 2022
Aggiornato: 16:55
Temi caldi

Mondo Rai// Appuntamenti e Novità'

05 ottobre 2020 | 21.34
LETTURA: 8 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Appuntamento con la fiction di Rai1 "Imma Tataranni-Sostituto Procuratore”, martedì 6 ottobre alle 21.25, interpretata da Vanessa Scalera, Massimiliano Gallo, Alessio Lapice, Barbara Ronchi, Ester Pantano, Monica Dugo, Giada Laudicina, Lucia Zotti, e con la partecipazione di Antonio Gerardi e Carlo Buccirosso. In una gravina appena fuori Matera viene ritrovato il cadavere mummificato di Domenico Grieco, un noto architetto scomparso nel nulla quindici anni prima. E con i primi risultati investigativi l’intuizione di Imma che si tratti di omicidio si rafforza...

Dopo “Giovani e ricchi”, “Giovani e…”, “Giovani e Influencer” torna Alberto D’Onofrio in veste di autore e conduttore con la sua nuova serie di documentari dedicati alle nuove generazioni “Giovani e Famosi”, sei puntate da 52 minuti ciascuna in seconda serata su Rai2, a partire da martedì 6 ottobre, alle 23.20. Questa volta D’Onofrio racconta i percorsi di giovani diventati famosi in vari campi, la musica, lo sport, il cibo, i social. Giovani talenti che hanno avuto successo ma hanno dovuto anche fare i conti con le difficoltà, le ansie, gli inciampi, il caro prezzo della fama. I protagonisti di questa edizione saranno Gianmarco Tamberi, campione di salto in alto, e Deborah Lettieri, in arte Gloria di Parma, l’unica ballerina Italiana del Crazy Horse (1° puntata), gli chef stellati Floriano Pellegrino ed Isabella Potì (2^ puntata), le cantanti Trap Chadia Rodriguez e Luna Melis (3^ puntata), la teen idol Nicole Rossi e la sciatrice campionessa del mondo Marta Bassino (4^ puntata), i Q4 e Marta Losito (5^ puntata), la campionessa mondiale di Muay Thai Jleana Valentino e il giovanissimo Chef Valerio Braschi (6^ puntata). Dalle note dell’autore, Alberto D’Onofrio: “Nel momento in cui si passa dall’anonimato alla fama scatta qualcosa che rende uniche le varie esperienze dei protagonisti di questa serie: tra la voglia di emergere e di avere successo, devono anche fare i conti con la paura di non riuscire a reggere il confronto con la popolarità che impone ritmi e logiche non semplici e con momenti difficili che hanno dovuto superare”. Protagonista della prima puntata Gianmarco Tamberi, primatista italiano e campione mondiale indoor a Portland nel 2016 e campione europeo di salto in alto ad Amsterdam nel 2016, con carattere esuberante e travolgente ha conquistato il cuore dei tifosi. Le sue gare sono accompagnate da un grande entusiasmo che lui stesso accende e che arriva dalle tribune dei palazzetti dello sport e degli stadi. Un grave e drammatico infortunio nel 2016 ha bloccato il suo percorso vincente verso le olimpiadi, ma quest’anno ci riprova. Suo padre, Marco Tamberi, campione di salto in alto negli anni ‘80, è da sempre il suo allenatore. Il loro complesso rapporto (padre-allenatore-figlio…) è alla base dei successi di Gianmarco che da piccolo amava il basketm ma suo padre gli aveva consigliato di provare con il salto in alto per portare avanti la tradizione di famiglia (anche suo nonno era un grande atleta di salto in alto). Anche Marco ha avuto un grave infortunio. Nel ritratto il film di una gara di Gianmarco raccontata da vicino e vissuta, salto dopo salto, insieme a lui, anche dal punto di vista della sua fidanzata, sua madre e suo padre. Anche le sconfitte servono per crescere e migliorarsi. L’altra protagonista della prima puntata è Deborah Lettieri, in arte Gloria di Parma, l’unica ballerina italiana del Crazy Horse, il mitico cabaret parigino creato da Alain Bernardin. Deborah raccoglie l’eredità di Rosa Fumetto, a sua volta unica ballerina italiana del celebre show del Crazy Horse alla fine degli anni 70’. Deborah faceva l’insegnante di danza nella sua Parma e suo padre autista di autobus sognava per lei un impiego tranquillo. Ma la sua prima insegnante di danza un giorno le aveva consigliato di presentarsi ad una audizione del Crazy Horse. Deborah all’inizio era spaventata dall’idea di doversi esibire in quel contesto, ma poi, conquistata dall’atmosfera del Crazy Horse e dalla professionalità delle ballerine, si è presentata ad un provino ed è stata presa.Così la vita di Deborah è cambiata improvvisamente, ma il problema più grande per lei è stato come spiegare a suo padre che le performance che avrebbe dovuto fare al Crazy Horse erano legate al concetto di 'nudo artistico'. Poi è arrivato anche l’amore e il suo nuovo fidanzato ha dovuto superare il problema della gelosia.

Una religione di Stato. Lo diventa il fascismo tra il 1925 e il 1932, il periodo raccontato nella seconda parte della trilogia intorno a Benito Mussolini dallo scrittore Antonio Scurati, ospite di Giorgio Zanchini a “Quante Storie” in onda martedì 6 ottobre, alle 12.45 su Rai3. Da rivoluzionario agitatore dello squadrismo, in quegli anni Mussolini si trasforma nel vero e proprio reggente del nascente impero littorio, avviando quel processo di identificazione tra il capo e il popolo, che ancora oggi riecheggia come una sinistra minaccia alla nostra democrazia.

Su Rai3 Mieli 'racconta' Bottai a 'Passato e Presente', su Rai5 'Il cielo, la terra, l'uomo' dedicato a Finlandia e Blumenfeld 'L'uomo che fotografava le donne'

Negli anni ’20 Giuseppe Bottai è tra i personaggi più in vista del fascismo romano. La mattina del 28 ottobre 1922, si trova a 25 chilometri dalla Capitale, alla testa di una colonna di miliziani che conta circa ottomila uomini. Aspetta il segnale di Mussolini per marciare su Roma. Ex ardito, intellettuale, è sicuramente il più illuminato, colto e lungimirante tra i gerarchi che collaborano con il Duce. Un personaggio raccontato dal professor Mauro Canali e da Paolo Mieli a “Passato e Presente”, in onda martedì 6 ottobre alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. La carriera politica di Bottai è un susseguirsi di successi: dalla redazione dell’ufficio romano del “Popolo d’Italia” all’elezione alla Camera dei deputati nella lista del Blocco nazionale. E poi, ministro delle Corporazioni, professore di Politica ed economia corporativa all’Università di Pisa, presidente dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, governatore di Roma e ministro dell’Educazione Nazionale. Il 25 luglio 1943 Bottai vota a favore dell’ordine del giorno Grandi, che sfiducia Mussolini, contribuendo a far cadere quel regime di cui egli stesso è stato fino a quel momento un ingranaggio fondamentale.

La magia del viaggio attraverso i grandi parchi della Finlandia, dalla Lapponia alle riserve nella regione più densamente popolata del Paese, raccontata dal documentarista e ambientalista Petteri Sandiaaario. È la serie “Il cielo, la terra, l’uomo. Nell’incanto del grande Nord”, in onda martedì 6 ottobre alle 14.30 su Rai5. Boschi, animali ed elementi partecipano al racconto della natura ancora selvaggia in questi luoghi, per un prodotto televisivo nel quale l'autore invita chi guarda a fermarsi e riflettere sul senso della presenza umana su questo pianeta e sulle sue conseguenze. Saario si sposta prevalentemente a piedi, su piccole imbarcazioni e sugli sci, portando con sé solo l'attrezzatura che gli permette di realizzare le splendide immagini che trascinano lo spettatore in un sogno a occhi aperti. Scritto e diretto da Petteri Saario, documentarista, fotografo e ambientalista per YLE, la tv finlandese. Saario ha partecipato al festival CinemAmbiente 2018 con Activist.

Uno dei più grandi fotografi del ‘900, sopravvissuto a due guerre mondiali, alla fuga e alle deportazioni nei campi di sterminio. È Erwin Blumenfeld, protagonista del documentario “L’uomo che fotografava le donne”, in onda martedì 6 ottobre alle 19.30 su Rai5. Uno dei fotografi di moda più pagati al mondo, Blumenfend ha esercitato un'influenza chiave sullo sviluppo della fotografia come forma d'arte. Il film ne svela la vita attraverso i suoi lavori: meravigliose fotografie, film di moda, home-movie e autoritratti, che rivelano un uomo ossessionato dalla ricerca di donne bellissime, ma anche dalle infinite possibilità della fotografia. Grazie all'ampio archivio di Blumenfeld - dalle sue innovative opere giovanili alle sue iconiche copertine di Vogue - e al contributo di fotografi come Rankin, Nick Knight, Sølve Sundsbø e della supermodella ultraottantenne Carmen Dell'Orefice, viene ripercorsa la storia di uno degli artisti fotografici più originali del 20° secolo.

Su Rai5 'La classe- Entre les murs', a Rai RadioLive ospite Renato Zero, su Rai Movie 'Gli invisibili' con Richard Gere

Laurent Cantet firma un viaggio dal taglio documentaristico nell’anno scolastico di una scuola media con il film “La classe – Entre les murs”, vincitore della Palma d’oro come miglior film al 61º Festival di Cannes nel 2008. Il film, in onda martedì 6 ottobre alle 21.15 su Rai5 e trasmesso senza interruzioni pubblicitarie, è tratto da un libro semi-autobiografico dell’insegnante François Bégaudeau, che interpreta anche il ruolo principale nel film. Bégaudeau insegna francese in una scuola difficile. La sua aspirazione è quella di riuscire a istruire i ragazzi senza però omologarli. Per riuscire a motivarli, quando sfuggono al controllo, è disposto anche ad andarli a cercare e a metterli davanti ai loro limiti. Pronto ad accettare talvolta il rischio di un clamoroso insuccesso. Candidato all'Oscar 2009 come Miglior film straniero. Candidato al David di Donatello 2009 come miglior film dell'Unione europea. Candidato al Nastro d'Argento 2009 come miglior film europeo. Con François Bégaudeau, Nassim Amrabt, Laura Baquela, Cherif Bounaïdja Rachedi, Juliette Demaille.

A Rai RadioLive, martedì 6 ottobre alle 11, torna “EraOra”, il programma di Maria Cristina Zoppa, che avrà anche una sua versione televisiva: una rubrica di otto minuti in onda due volte a settimana all’interno del contenitore pomeridiano “L’Italia con voi” su Rai Italia. In questa puntata: ospite d’eccezione sarà Renato Zero che festeggia i suoi 70 anni con un progetto discografico monumentale, proponendo tre dischi di inediti in uscita il 30 di ogni mese, a partire da settembre scorso (giorno del suo settantesimo compleanno), poi ottobre e novembre. Quaranta brani inediti: un cofanetto prezioso, un giro di boa per una carriera unica, un compendio declinato al futuro dell’Artista che più di ogni altro ha soverchiato il piano della musica e della performance live senza mai scendere a compromessi. L’intervista di Maria Cristina Zoppa si snoda attraverso le parole-chiave che scaturiscono da nuovi brani in modo naturale: Rinascita, Premura, Follia. “EraOra” si ascolta al link www.radiolive.rai.it , oppure su tutti i device digitali.

Richard Gere è il protagonista del film diretto da Oren Moverman “Gli invisibili”, in onda su Rai Movie (canale 24 del digitale terrestre) martedì 6 ottobre alle 21.10. Dopo la morte della moglie, George ha perso la voglia di vivere e ormai da tempo trascorre le sue giornate in strada, vivendo come un senzatetto e facendo i conti con la dipendenza dall'alcool. Fallite tutte le possibilità di trovare un alloggio, cerca rifugio al Bellevue Hospital, il più grande centro di accoglienza per senzatetto di Manhattan. L'amicizia con uno degli ospiti del centro, un musicista di nome Dix, lo aiuterà a trovare nuovi stimoli per ricominciare da zero e a ricostruire il difficile rapporto con la figlia che non vede da molti anni. Nel cast: Ben Vereen, Jena Malone, Steve Buscemi, Danielle Brooks e Abigail Savage.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza